Ferpi > News > Il Diavolo e l'Acquasanta

Il Diavolo e l'Acquasanta

18/09/2008

Da Oliviero Toscani a Carosello. Una mostra e tre serate dedicate alla comunicazione tra sacro e profano. A Levanto, dal 20 settembre

Un percorso pubblicitario dall’Ottocento ai giorni nostri. Una conferenza di Oliviero Toscani sul Vangelo. Uno show sulle influenze reciproche tra religione e spettacolo. Una serata su tutto il meglio di Carosello. Si preannuncia ricca di eventi interessanti la rassegna “Il Diavolo e l’Acquasanta – La comunicazione tra sacro e profano”, in programma a Levanto (La Spezia) da sabato 20 settembre a domenica 5 ottobre.


La manifestazione – una mostra e tre serate di spettacolo – intende esplorare il rapporto (a volte conflittuale, più spesso utilitaristico, quasi mai banale) tra la religione da una parte e i mass media, il cinema, la pubblicità, la televisione e lo spettacolo in genere dall’altra.


Frutto della collaborazione tra il Comune di Levanto (istituzione impegnata nell’organizzazione di eventi a promozione di un territorio a forte vocazione turistica) e il Master in Pubblicità istituzionale, comunicazione multimediale e creazione di eventi dell’Università di Firenze (ente preposto alla formazione di figure professionali nel settore della comunicazione), l’iniziativa porterà sul palco di piazza Cavour anche il noto fotografo Oliviero Toscani per una chiacchierata “senza rete” condotta dal pubblicitario Giampiero Vigorelli.


La manifestazione si apre il 20 settembre, con l’inaugurazione di “Testimonial dall’Aldilà – Un percorso pubblicitario dall’Ottocento ai giorni nostri”. Curata da Laura Borello, la mostra introduce il visitatore verso un viaggio tra gli oggetti che hanno segnato la storia della pubblicità negli ultimi due secoli: in esposizione ci sono figurine, menù, scatole di latta, manifesti che evidenziano la commistione tra sacro e profano nella pubblicità del passato e di oggi (visite gratuite tutti i giorni, fino al 5 ottobre).


Sempre sabato 20, come detto, andrà in scena “Il Vangelo secondo Oliviero”, una proiezione di video pubblicitari ironici e spesso irriverenti, commentati da Toscani e Vigorelli, con il compito di illustrare il rapporto contraddittorio tra sacralità e modernizzazione della comunicazione visiva.


Sabato 27 settembre si prosegue con “Rock in Heaven”, uno show – musica live, proiezioni di video e immagini su cinema e pubblicità – che mostra le reciproche influenze tra religione e spettacolo: dalle messe beat degli anni ’60, ai contemporanei “cantautori di Dio”, promoter quanto mai efficaci della musica cristiana nel mondo.


A chiudere, sabato 4 ottobre, l’appuntamento forse più atteso dai nostalgici del passato: l’incontro con Guia Croce, autrice del libro e dvd “Tutto il meglio di Carosello: 1957-1977”. Una serata che – grazie alla proiezione delle pubblicità più famose – rappresenta un vero e proprio tuffo nella più riuscita forma di collaborazione pubblicitaria mai sperimentata in televisione.


Alessandro Dattilo – Redazione Cultur-e

Articoli Correlati

COMMENTI

Eventi