/media/post/9vla4fg/COMINT.png
Ferpi > News > La comunicazione interna come leva strategica

La comunicazione interna come leva strategica

17/09/2015

Cinzia Beretta, socio Ferpi

I pubblici interni delle aziende sono un audience di riferimento fondamentale per Risorse Umane, Leadership, Manager di funzione ed area Comunicazione.  E’ necessario quindi un lavoro di squadra per mettere a punto strategie e piani coerenti con vision e mission e per l’engagement efficace dei dipendenti. Nel corso “Comunicazione interna ed employer branding, che si terrà il 2 ottobre a Milano, si farà il punto su questi temi ponendo a confronto esperienze e casi sviluppati in contesti diversi, nazionali e internazionali.

 

Recentemente mi è stato chiesto per quale ragione fossi così appassionata alla comunicazione interna (difatti me ne occupo da 15 anni, gli ultimi 5 in maniera totalmente dedicata in una grande azienda).

Non è la prima volta che mi viene rivolta una domanda simile, anche perchè la comunicazione interna, soprattuto in Italia, è spesso a cavallo tra Risorse Umane, Corporate Communication, PR e Marketing e non è raro trovare aziende in cui la funzione non sia nemmeno presente. Anzi, mi è capitato di discutere con professionisti di funzioni totalmente differenti dalla mia che considerano la comunicazione interna solo un puntino nel vasto mondo della comunicazione, a volte di poco valore.

Lavoro con passione nella comunicazione interna perché ritengo che i dipendenti di un’azienda, se motivati, impegnati, coinvolti e soddisfatti della loro vita lavorativa, qualunque sia il ruolo, siano i migliori “brand ambassador” dell’azienda stessa.

Come ha citato la mia collega Alessandra Fornaci in un precedente articolo sul tema è sempre più importante oggi l’”employee value proposition”, ossia l’insieme di strumenti, iniziative e processi su cui un’organizzazione può far leva per soddisfare bisogni, aspettative e creatività dei propri collaboratori, di modo che questi diventino poi i migliori portavoci dell’azienda nel mondo esterno. Perchè, come si suol dire, non c’è miglior pubblicità di un cliente soddisfatto.

E i dipendenti di un’azienda oggi vanno considerati come clienti, un pubblico di riferimento molto importante non solo per le Risorse Umane, ma anche per i Senior Leader, i Manager di funzione e ovviamente l’area  Comunicazione (Interna).

Abbiamo una lunga casistica di tecniche messe a punto dal Marketing per attirare i clienti esterni, comunicare efficacemente e mantenerli fedeli. Il concetto di “employer branding” implica applicare le stesse logiche alla gestione delle persone che rappresentano la principale risorsa per l’organizzazione: puntare su ciò che l’azienda ha da offrire ai propri dipendenti (attuali e potenziali), in termini di “employment experience”.  E non è una novità, visto che se ne è iniziato a parlare negli anni ’90.

Un’azienda può attirare e trattenere talenti se ha un’identità forte, credibile, unica e “aspirational”. E’ inoltre fondamentale l’interconnessione e la coerenza tra cultura e valori interni, strategia e tattica, politiche HR di gestione e sviluppo delle persone e leadership forte. Un mix ponderato di iniziative per l’engagement interno, di percorsi di crescita professionale ben strutturati, di momenti di condivisione formale e informale con la leadership e, perchè no, anche di divertimento. Il tutto può diventare la ricetta perfetta per rendere un dipendente orgoglioso di fare parte di un’azienda.

La comunicazione interna, lavorando in stretta collaborazione con la leadership aziendale e il mondo HR, molto spesso fa da collante tra questi aspetti, tirando le fila, aiutando i dipendenti a capire la direzione verso cui l’azienda si muove, organizzando iniziative coerenti con il set di valori e le strategie e in linea anche con lo scenario del momento. Un lavoro delicato che si basa anche sulla raccolta di feedback costanti tra i dipendenti e stakeholder chiave, per poter ritarare l’approccio in maniera flessibile.




 

Questi temi ed altri approfondimenti saranno il focus del corso Comunicazione interna ed employer branding che si terrà a Milano, venerdì 2 ottobre prossimo presso la sede Ferpi.   Alessandra Fornaci – Direzione comunicazione Inps – partendo dall’impatto delle tecnologie ICT  sull’evoluzione della comunicazione interna, illustrerà lo sviluppo della comunicazione interna e delle prime comunità professionali in rete negli enti pubblici negli ultimi anni. Cinzia Beretta - Global Communications Program Manager  General Electric, Global Operations – affronterà il tema della partnership tra comunicazione, Risorse Umane e leadership aziendale nei processi di change management e cambiamento culturale in grandi multinazionali; tratterà la comunicazione interna come leva per l’engagement di team virtuali/multiculturali; toccherà il tema dello storytelling interno per rendere i dipendenti protagonisti. Giuliano Favini - amministratore delegato Logotel spa - presenterà alcune esperienze della sua azienda, che gestisce online comunità commerciali per diverse aziende nazionali e internazionali committenti, operando in  collaborazione con le funzioni HR e commerciali e di comunicazione per la gestione esternalizzata delle reti commerciali. Infine, Amanda Succi, vicePresidente Ferpi declinerà il tema delle diverse connotazioni che la comunicazione interna può assumere negli ambiti associativi, in relazione alle variabili culturali facendo riferimento al progetto Dedalo avviato in Ferpi e alla sua esperienza in Global Alliance.

Il corso darà diritto al riconoscimento di 100 crediti per i soci Ferpi in qualificazione.

Per ulteriori informazioni su costi e sconti per iscrizioni di gruppi è possibile contattare la segreteria Ferpi all’indirizzo casp@ferpi.it.

Le iscrizioni chiuderanno il 25 settembre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTI

Eventi