Ferpi > News > La conoscenza condivisa: storia, estetica e comunicazione

La conoscenza condivisa: storia, estetica e comunicazione

15/03/2013

Un incontro sulla necessità di avviare un nuovo percorso di avvicinamento delle persone per creare nuovi ambiti di confronto e di discussione con cui alimentare il valore della persona e della conoscenza condivisa. Se ne parlerà martedì 26 marzo a Mirandola in una tavola rotonda, con il patrocinio di Ferpi, cui parteciperà anche _Biagio Oppi._

L’obiettivo della serata è promuovere il valore della conoscenza condivisa tra le persone osservandola nel suo cammino tra i filari alati del tempo, dal medioevo ai giorni nostri, attraverso l’estetica e la comunicazione e con il racconto di esperienze dirette di vita quotidiana vissuta costantemente in prima linea a stretto contatto con le persone che hanno provato l’esperienza del terremoto e che, fin dai primi momenti, hanno sentito forte il bisogno di rimanere ancorati al proprio territorio e alle istituzioni locali per non perdere il contatto con i luoghi di un tempo, per anni, punti di riferimento incontrastati delle nostre comunità.
Di fronte a questi scenari in continua evoluzione che mostrano una realtà che muta rapidamente nel tempo sottoposta alle pressioni esercitate da un sistema economico che stenta a decollare, che non facilita la ripresa della vita sociale e la nascita di nuovi ambiti relazionali, ora più che mai, è fondamentale ri-creare luoghi di aggregazione che accompagnino le persone a rivedersi nelle loro stesse abitudini, nei ricordi di un tempo, all’interno di una ripetitività mutuante per allontanarle dall’incontro con la solitudine di massa e condurle verso il nuovo che avanza, una realtà, che ha cambiato l’immagine del suo profilo quotidiano.
Ecco quindi la necessità di avviare un nuovo percorso di avvicinamento delle persone per creare nuovi ambiti di confronto e di discussione con i quali alimentare il valore della persona e della conoscenza condivisa.
Gian Luca Tusini, prendendo spunto dal libro di Guido Zaccarelli, si interrogherà sull’importanza della tecnologia nel panorama contemporaneo. Farà seguito Bruno Andreolli con l’intento di valorizzare il periodo del medioevo con un titolo di sicuro interesse; Storie di conoscenze condivise: il medioevo ne rappresenta un eccellente campione, per ragioni completamente diverse da quelle illustrate nel volume, entrambi, con l’intento di favorire l’apertura di un dibattito costruttivo per avvicinare le persone alla storia e all’arte.
Eleonora Manzini riporterà alcune esperienze vissute in prima linea nei momenti immediatamente successivi il terremoto a contatto con le persone che hanno subito danni e come queste hanno reagito, e stanno reagendo, per ritornare in possesso delle proprie abitazioni che per anni hanno vissuto come un luogo nel quale proteggersi mentre ora, per molti, è diventato un luogo da proteggere.
Biagio Oppi, delegato Ferpi, farà il punto sull’iniziativa dei volontari della comunicazione che – dopo l’incontro di luglio a Mirandola con soci, istituzioni e aziende coinvolte dal sisma – si è focalizzato sull’attivazione di collaborazioni accademiche (Università di Modena, Parma e Ferrara, Johns Hopkins e Deakin University) e progetti di ricerca con l’obiettivo principale di raccogliere dati quali-quantitativi sulla gestione della crisi dal punto di vista delle Rp e di realizzare una repository sul caso emiliano. Diverse tesi di laurea sono in cantiere mentre la prima verrà già discussa all’inizio di aprile.
L’autore, Guido Zaccarelli, introdurrà il libro cercando di esplorare i momenti significativi che lo hanno condotto a scrivere il volume, partendo dal valore della persona per giungere alla Wiki Azienda. Il libro vuole proporre un nuovo modello di organizzazione aziendale; il messaggio che traspare tra le righe, è quello di “novità”, cioè di passare a nuovi rapporti e a nuove relazioni tra le persone che detengono il “dono” della conoscenza, affinché ne facciano “dono”, lo condividano non solo con la mente, ma anche con il cuore, la volontà, la passione e l’azione.
La serata può essere seguita: in diretta video collegandosi al sito:
http://www.ustream.tv/channel/conoscenzacondivisa
E in chat collegandosi alla pagina Facebook:
https://www.facebook.com/pages/La-conoscenza-condivisa/174671499347150
La tavola rotonda, in programma alle 20.30 presso la Scuola Media di Mirandola (Via Dorando Pietri, 4), ha ricevuto il patrocinio della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, dell’Unione dei Comuni Modenesi dell’Area Nord, del Centro Internazionale di Cultura “Giovanni Pico della Mirandola”, di Ferpi e del Comune di Mirandola.

COMMENTI

Eventi