/media/post/hrcqhgs/Giorgio-De-Rita-foto-Ansa.jpg
Ferpi > News > La situazione sociale italiana dell’ultimo decennio: le delusioni, i rancori, le speranze

La situazione sociale italiana dell’ultimo decennio: le delusioni, i rancori, le speranze

#Formazione

26/09/2020

Redazione

Una ricognizione sociale dell'Italia, le mutazioni, le accelerazioni, le difficoltà che hanno reso il nostro Paese più resiliente. Sarà il tema del prossimo incontro organizzato dalla Formazione Connessa di Ferpi, in programma il prossimo 16 ottobre e condotto dal Segretario Generale Censis, Giorgio De Rita.

"L'Italia ha perso il gusto di immaginare e di costruire il proprio futuro, vive nel presente, vive con orizzonti estremamente ristretti. La pandemia ha aggravato questa situazione ma al contempo ha consentito a tutti noi di ripensare, di rivedere il modello di sviluppo italiano, facendo quello che il Censis ha chiamato un profondo esame di coscienza, guardarci dentro per capire cosa non ha funzionato" a pronunciare queste parole, Giorgio De Rita, Segretario Generale del Censis in occasione del suo recente intervento al Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini. De Rita sarà ospite di Ferpi il prossimo 16 ottobre a partire dalle ore 13.00 in un evento formativo online promosso dalla Commissione di Aggiornamento e Specializzazione Professionale dell'Associazione dal titolo "La situazione sociale italiana dell’ultimo decennio: le delusioni, i rancori, le speranze".

Il dialogo con i soci Ferpi verterà proprio su una ricognizione sociale dell'Italia, le mutazioni, le accelerazioni, le difficoltà che hanno reso il nostro Paese più resiliente. La crisi causata dalla pandemia ha costretto a rivedere tanti processi e a cambiare le abitudini delle persone. "Sarà un autunno pieno di difficoltà, pieno di preoccupazioni, pieno di incertezze, ma anche un autunno in cui ci sono le risorse. Quindi significa che dobbiamo mettere sul piatto da un lato l'aspirazione, la speranza di guardare oltre, di ricucire gli strappi del passato, dall'altro la preoccupazione del presente" racconta Giorgio De Rita. Tutti sono chiamati ad un'analisi individuale e collettiva per reagire nel modo giusto: anche il mondo della comunicazione e dell'informazione hanno una grande responsabilità, sostenere e stimolare una mutazione sostenibile contribuendo nel rendere di rendere l'Italia più forte e visionaria. 

L'appuntamento con Giorgio De Rita è fissato per venerdì 16 ottobre alle ore 13.00.
Per informazioni e iscrizioni casp@ferpi.it  oppure clicca qui.

L'evento formativo consente di ottenere 25 crediti.

 

COMMENTI

Eventi