Ferpi > News > Le Relazioni pubbliche in Argentina

Le Relazioni pubbliche in Argentina

11/04/2012

Nel corso di un recente viaggio in Argentina, _Carmelo Stancapiano_ ha visitato la sede del _Consejo Profesional de Relaciones Públicas de la República Argentina_ a Buenos Aires. Un’opportunità di scambio e di confronto con i professionisti sudamericani e l’occasione per visitare la redazione di _El diario del fin del Mundo,_ il giornale edito più a sud di tutto il pianeta.

di Carmelo Stancapiano
In un recente viaggio in Argentina, ho incontrato a Buenos Aires Patricio Bosio, direttore operativo del Consejo Profesional de Relaciones Públicas de la República Argentina.
La sede del Consejo è in una palazzina di un piano a Recoleta, uno dei quartieri centrali di Buenos Aires. L’incontro è stato un’interessante analisi e scambio di esperienze sullo stato dell’arte delle rispettive associazioni.
Il Consejo è un’istituzione senza fini di lucro che riunisce e rappresenta i professionisti del settore di tutto il paese. Costituito nel 1958, conta oggi più di 550 associati (50% donne – 50% uomini) tra consulenti di Rp, agenzie di RP , accademici, responsabili di comunicazione delle imprese, junior Rp, professionisti indipendenti e soci onorari.
L’associazione è guidata da un Consiglio Direttivo di 11 membri e 2 supplenti. Il Presidente è Gustavo Pedace (Gerente de Relaciones Institucionales de Grupo Roggio S.A.), il Vice presidente è Juan Iramain (VP de Asuntos Públicos y Comunicaciones de The Coca Cola Company LatAm Sur), il segretario è Maria Josè Buzòn (Profesional independiente). La parte gestionale è coordinata dal già citato Patricio Bosio, supportato da una assistente a tempo pieno. Delegazioni sono presenti a Mendoza e a Mar del Plata. A breve dovrebbero aggiungersi Santa Fè e Chubut in Patagonia.
L’iscrizione annua individuale è di 180 dollari per i soci “activos” (quelli con più di 5 anni di professione); di 120 dollari per tutti gli altri Le agenzie pagano da 480 a 780 dollari annui in funzione del fatturato. Al momento della prima iscrizione bisogna versare un contributo “una tantum” per le spese amministrative. Non è previsto alcun esame o colloquio di ammissione che avviene sulla base della documentazione presentata dai candidati.
La “missione” del Consejo è quella di aggregare chi si occupa di relazione pubbliche per diventarne il principale punto di riferimento in Argentina, garantire standard etici, tutelare la professione e gli interessi degli associati, promuovere ricerche e studi per qualificare l’attività di comunicazione nell’ambito del mercato e offrire la possibilità di crescere, confrontandosi periodicamente su diversi temi. Al fine di garantire un miglior supporto ai soci, il Consiglio ha previsto cinque commissioni di lavoro:

Còmision Corporativa: è composta da professionisti che, all’interno delle principali compagnie del paese, occupano posizioni di direzione e gestione della comunicazione istituzionale o delle relazioni pubbliche. La finalità è quella di approfondire tematiche innovatrici e scambiare esperienze e conoscenze da trasmettere agli associati..
Còmision de Consultoras: composta da dirigenti di agenzia (di fatto equiparabile ad Assorel) si pone l’obiettivo di diffondere la “cultura” della consulenza presso le istituzioni e il mondo imprenditoriale, economico, finanziario, dei servizi, etc. Inoltre promuove lo studio e lo sviluppo dell’attività delle agenzie difendendo gli interessi dei propri membri e del settore in generale.
Còmision Educaciòn: formata da rappresentanti del mondo accademico e da direttori e coordinatori delle Relazioni pubbliche all’interno delle università. Promuove eventi per approfondire come insegnare le relazioni pubbliche con università nazionali ed internazionali; aggiorna e pubblica bibliografie, coordina forum on-line, organizza incontri tra studenti e docenti.
Còmision de Estudiantes y Jovénes Profesionales: la commissione è formata da studenti, neo laureati e comunicatori junior in Relazioni pubbliche. La sua missione è quella di offrire uno spazio di apprendimento, scambio e opportunità a chi è alle prime armi con la professione.
Còmision de Intercambio Profesional: composta principalmente da responsabili della comunicazione delle varie ONG, fondazioni, agenzie governative e comunità locali. L’idea è quella di promuovere lo scambio di informazione, delle esperienze, della collaborazione tra colleghi/e per generare attività di interesse collettivo, contribuendo alla promozione e al miglioramento della professione.

Eventi e Pubblicazioni
Il Consejo, oltre alla assemblea annuale dei soci, promuove direttamente o supporta periodicamente i seguenti eventi e pubblicazioni:

Maraton Solidaria: corsa di responsabilità sociale in cui professionisti delle imprese, consulenti , agenzie e accademici soci del Consiglio, oltre che partecipare all’evento sportivo, offrono gratuitamente a diverse ONGs la propria esperienza per lo sviluppo dei piani di comunicazione, stampa e relazioni pubbliche. Quest’anno un’edizione di questa maratona sarà “esportata” a Saragozza in Spagna, dove esperti di comunicazione spagnoli e argentini aiuteranno organizzazioni umanitarie locali.
Encuentro Nacional de Estudiantes y Jovénes Profesionales: evento annuale di una giornata rivolto a gli studenti che frequentano o hanno frequentato i corsi di laurea in Relazioni Pubbliche in tutta l’Argentina. I colleghi/e che coordinano l’evento affrontano le varie tematiche della comunicazione cercando di stimolare la partecipazione critica degli studenti per aumentarne il coinvolgimento.
Conferencia Internacional de Relaciones Públicas: ogni due anni, per un’intera giornata, si approfondisce una tematica della professione con l’intervento di prestigiosi oratori nazionali ed internazionali. Oltre ai dirigenti della comunicazione delle imprese, consulenti, agenzie e accademici vengono invitati giornalisti e importanti manager di aziende pubbliche e private.
The Journal of PR: pubblicazione accademica rilasciata semestralmente. Sono presenti articoli, casi, recensioni di libri di accademici e professionisti di tutto il mondo.
Premios PR: riconoscimento annuale al comunicatore dell’anno; al giovane emergente; alla carriera; alla memoria e al manager che ha meglio utilizzato la comunicazione.
Olimpiadas Nacionales de Relaciones Públicas: concorso al quale partecipano gruppi di alunni di tutte le scuole del paese. L’obiettivo è quello di introdurre gli studenti alla pratica professionale affrontando casi pratici applicando le conoscenze teoriche.
Guja: guide all’utilizzo delle Relazioni Pubbliche. Vengono pubblicate periodicamente, ad esempio in occasione dei 50 anni del Consejo.

Comunicazione on line
Il sito è lo strumento principale. Mi sembra ben strutturato, di facile accesso, con adeguate informazioni e con un minimo di interattività grazie alla presenza di due blog. Dal sito è inoltre possibile accedere direttamente a Facebook e Linkedin. Manca la mappa del sito e il collegamento via RSS.
La newsletter è semestrale. Bosio ha fatto i complimenti a Ferpi per i contenuti, l’impostazione e la frequenza della newsletter, iscrivendosi per riceverla settimanalmente. Per il momento pensa che nella migliore delle ipotesi la newsletter del Consejo potrà essere mensile.
Corsi e Seminari
A parte quelli previsti della Comisiòn de Educaciòn, al momento non è previsto da parte dell’Associazione di organizzare e gestire Master o corsi legalmente parificati a quelli universitari.
Ushuaia – El diario del fin del Mundo
Durante il mio soggiorno in Patagonia ad Ushuaia, che oltre ad essere la capitale della Terra del Fuoco è la città più a sud del mondo, ho visitato la redazione del El diario del fin del Mundo, un piccolo ma aggressivo quotidiano, edito dal lunedì al venerdì, che ha la particolarità di essere il giornale che si pubblica più a sud nel mondo. A parte le notizie di routine locali l’argomento del giorno era il rifiuto da parte delle autorità argentine di far attraccare ad Ushuaia due navi da crociera battenti bandiera inglese a causa della vicina ricorrenza della guerra nelle Malvines. Cosa che aveva fatto arrabbiare i cittadini della città, che vivono prevalentemente di turismo, per il mancato introito di quasi 5000 potenziali clienti.

COMMENTI

Eventi