/media/post/ttbh7rs/mattarella.jpg
Ferpi > News > Nuovi strumenti, attori e paradigmi della comunicazione politica

Nuovi strumenti, attori e paradigmi della comunicazione politica

03/03/2019

Redazione

La comunicazione politica e i suoi linguaggi saranno i temi conduttori del seminario organizzato da Ferpi, in programma il 30 marzo a Roma.

“Nuovi linguaggi della Comunicazione politica” è il tema e titolo del Seminario organizzato da Ferpi che si terrà il 30 marzo a Roma, a cura di Antonio Iannamorelli, Direttore Operativo Reti, e Simonetta Pattuglia, Presidente CASP di Ferpi, Docente di Marketing, Comunicazione e Media, Direttore Master in Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

La “comunicazione politica”, soprattutto oggi, non ha una chiara definizione, dal momento che deriva dall’incontro di numerose discipline - sociologia, psicologia sociale, antropologia, semiotica, massmediologia - ed è quindi un concetto ampio, eclettico e dalle molte interpretazioni possibili.

Inoltre, la comunicazione stessa è costituita da numerosi elementi che vanno a configurarla come un fenomeno complesso: oltre agli aspetti verbali, infatti, si aggiungono quelli non verbali e quelli para-verbali; alcuni esempi sono il modo di porsi dinanzi ai cittadini, le strette di mano dopo un comizio, l’impostazione dei manifesti elettorali, come ha spiegato anche Gianpietro Mazzoleni, docente di Scienze Sociali e Politiche, parlando di “nodo decisivo dell’impatto che la comunicazione ha sulla partecipazione politica, sul voto e sull’opinione pubblica”. Senza dimenticare, ovviamente, l’importanza della comunicazione digitale.

Secondo il sociologo Dominique Wolton la comunicazione politica è “Lo spazio dove tre attori - uomini politici, giornalisti, opinione pubblica - che hanno la legittimità di esprimersi pubblicamente sulla politica, si scambiano discorsi contraddittori”. A questi attori citati da Wolton bisogna oggi aggiungere le imprese mediatiche, che devono necessariamente stabilire un binario di comunicazione con la politica, e i new media mobile e social, che ne divengono strumento innovativo.

In Italia, a partire dalla fine del XX secolo, la comunicazione politica è stata interessata dalla cosiddetta par condicio, ossia una paritaria condizione di accesso ai mezzi di comunicazione di massa per i diversi soggetti politici. Ma quali sono oggi gli attori principali e quali dialogano con quelli tradizionali? Quali sono i nuovi strumenti a disposizione? Infine, quanto l’impresa può prestare alla politica del suo marketing e comunicazione? Per rispondere a queste domande si può fare riferimento a diversi modelli.

Il modello pubblicistico-dialogico vede la comunicazione politica come fortemente mediatizzata, con un conseguente cambiamento nelle azioni degli attori e nei loro ruoli: l’azione dei media e dei social media va a sommarsi ai flussi già esistenti tra gli altri due attori, mentre i giornalisti e i content creator contribuiscono a co-crearla e i cittadini e gli utenti assumono un ruolo di sempre maggiore importanza.

Il modello mediatico, invece, individua i media come attore principale, in quanto essi rappresentano lo spazio in cui si confrontano pubblici ed elettori e si incontrano politici e cittadini, anche se questi ultimi possono far sentire la propria voce attraverso ulteriori strumenti quali lettere, manifestazioni di protesta, social network, leggi di iniziativa popolare, sondaggi, la scelta del voto.

Il nuovo modello “imprenditoriale” è ancora in fase di sviluppo, ma durante il Seminario si cercherà di approfondire la sua visione relativa ai nuovi protagonisti, ai nuovi paradigmi e agli impatti sul rapporto fra politica e società.

Partecipano, tra gli altri, Simonetta Pattuglia, Presidente CASP di Ferpi, Docente di Marketing, Comunicazione e Media, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Antonio Iannamorelli, Direttore Operativo Reti, Lorenzo Pregliasco, Agenzia Quorum e YouTrend, Autore del Libro “Fenomeno Salvini”, Enrica Sabatini, Piattaforma Rousseau, Filippo Sensi, Giornalista, già portavoce di Matteo Renzi.

La Giornata del 30 marzo terminerà con un PR Cocktail in cui relatori, partecipanti e ospiti avranno a disposizione uno spazio per attività di networking per conoscersi e scambiarsi opinioni.

Nei due incontri interverranno numerosi ospiti e professionisti del mondo della politica italiana ed estera, del marketing politico-istituzionale e della comunicazione.

Per informazioni più dettagliate e iscrizioni soci e non Soci: casp@ferpi.it 

COMMENTI

Eventi