Ferpi > News > Rossa. Una mostra su Immagine e comunicazione del lavoro.

Rossa. Una mostra su Immagine e comunicazione del lavoro.

12/12/2007

E' una delle iniziative per il centenario della CGIL. A Napoli, presso Città della Scienza, fino al 6 gennaio.

<A un certo punto le storie hanno inizio - scrive Mario Togna nella presentazione della mostra  -  Le Società operaie di mutuo soccorso: da lì è partita la nostra>. All'ingresso della mostra ci accoglie la proiezione di una grande foto di gruppo di lavoratori: alcuni di questi si staccano dal fondo, vengono idealmente avanti, attraverso un sistema di proiezioni, per raccontarci frammenti della propria vita. Comincia così, con questo quadro animato di forte impatto visivo, la mostra "Rossa. L'immagine e la comunicazione del lavoro: 1848/2006", che è possibile visitare alla Città della Scienza di Napoli fino al 6 gennaio. L'iniziativa, oltre che dal Comitato nazionale per le celebrazioni del Centenario della Cgil, dall'Associazione Centenario e dalla Fondazione Di Vittorio, è promossa dalle Regioni Campania e Piemonte, dai Comuni e dalle Province di Napoli e Torino. 
La mostra, tutta multimediale e veramente ben allestita, racconta la storia e l'evoluzione dell'iconografia del lavoro e della Cgil, seguendo uno sviluppo cronologico: dal 1848, periodo in cui nacquero le organizzazioni mutualistiche, a oggi. Lo spazio è organizzato in quattro gigantesche strutture quadrate, ognuna suddivisa per temi e periodi storici. Tre lati sono occupati da parti dell'esposizione multimediale, per il quarto invece si entra nel centro del quadrato, un contenitore dove trovano posto grandi installazioni dedicate a momenti capitali della storia e dell'azione sindacale. Domina l'utilizzo creativo (e artistico) delle nuove tecnologie: attraverso immagini, testi, suoni, ogni vicenda raccontata, ogni momento storico, ogni documento esposto viene reinserito nel proprio contesto, tolto dall'immobile sacralità della memoria e gettato in questa contemporaneità virtuale. Subito affiora una sensazione nettissima: non siamo spettatori, siamo anche noi attori di una rappresentazione.

COMMENTI

Eventi