/media/post/8zqz8sp/Tu-non-sai-chi-sono-io-796x426.jpg
Ferpi > News > #TuNonSai ChiSonoIo, storie di migranti

#TuNonSai ChiSonoIo, storie di migranti

23/06/2016

I viaggi, le paure e le speranze dei rifugiati raccontate in prima persona in un progetto frutto della collaborazione tra Agi e i giornalisti indipendenti di Next New Media. #TuNonSaiChiSonoIo intende unire contenuti di approfondimento e modalità di fruizione tipiche dei nuovi media, con l'obiettivo di contribuire al dibattito sul fenomeno delle migrazioni.

In occasione della Giornata Mondiale dei Rifugiati nasce il progetto giornalistico “#TuNonSaiChiSonoIo”, che nei prossimi mesi racconterà, con una serie di video in prima persona, le storie dei tanti esuli arrivati in Italia da Paesi del Mediterraneo, dell'Africa e del Medio Oriente.


Il progetto è frutto della collaborazione tra Agi e i giornalisti indipendenti di Next New Media, e vedrà come protagonisti i migranti, con le loro differenze in termini di vissuto, provenienza, aspettative ed esperienze di integrazione, e con le loro paure, le loro speranze e le loro aspettative.


Il progetto #TuNonSaiChiSonoIo intende unire contenuti di approfondimento e modalità di fruizione tipiche dei nuovi media, con l'obiettivo di contribuire al dibattito sul fenomeno delle migrazioni, aggiungendo ai fatti di cronaca ed ai dati statistici anche la conoscenza diretta di chi ha deciso di lasciare il proprio Paese per vivere in Italia e in Europa.


#TuNonSaiChiSonoIo sarà realizzato anche grazie alla collaborazione di Croce Rossa Italiana e di altre realtà del terzo settore, che sosterranno Agi e Next New Media nell'individuazione delle storie e dei protagonisti.


I video saranno pubblicati sul portale Agi.it con cadenza settimanale, e verranno messi a disposizione di associazioni, istituzioni e altri mezzi di informazione secondo i criteri Creative Commons 3.0 (Non commerciale – Non opere derivate) perché possano condividerli od ospitarli sulle proprie piattaforme online, in modo da contribuire nel modo più ampio possibile alla loro diffusione.

COMMENTI

Eventi