Ferpi > News > A confronto le business tv delle grandi aziende

A confronto le business tv delle grandi aziende

08/03/2007

Si terrà mercoledì 14 Marzo in Bocconi il primo workshop sulla tv in aziende. Per la prima volta trasmessi i format delle business tv.

"Business Tv: generazione teledipendente" sarà un confonto operativo a porte aperte sul fenomeno della tv d'azienda. Per la prima volta si potrà vedere ciò che viene trasmesso quotidianamente dai canali di comunicazione tv interni. L'incontro tra lavoratori delle business tv, esperti, studiosi e studenti è previsto per mercoledi 14 Marzo 2007, dalle ore 9 presso Centro Ask dell'Università Bocconi, aula 3 Velodromo (ingresso da Via Bocconi o da P.zza Sraffa). Il workshop è promosso da SDA Bocconi. Nato dall'idea di Giampaolo Colletti (giovane lavoratore di business tv), con la consulenza di Paolo Prestinari (i-Side e co-autore del volume "Business tv Comunicazione d'impresa nell'era digitale"), ha un taglio operativo. Primo obiettivo, la condivisione delle esperienze televisive.
Sono gia' 16 le aziende che hanno aderito all'incontro per presentare le proprie esperienze e trasmettere una sintesi delle loro trasmissioni: Banca Intesa, Banca Generali, Banca Popolare Italiana, BNL, Costa Crociere, Gewiss, Enel, Epson, 3 Italia, Mediolanum, Pirelli RE, Professione Casa, RAS, Tim, Vodafone, Wind. La giornata sarà scandita dagli interventi di giornalisti ed esperti: Andreina Mandelli (Università di Lugano SDA Bocconi), Walter Passerini (Job24 / Sole24Ore) ed Emilio Pucci (Direttore e-Media Institute). L'apertura della sessione pomeridiana è affidata a Severino Salvemini (Università Bocconi). Per le conclusioni interverrà Paola Dubini (Università Bocconi).
«Il workshop rappresenta un'occasione di confronto sulla specificità del modello di business tv, sugli standard emergenti in termini di format e di modalità di fruizione, sulle possibilità di canalizzazione dei format verso pubblici e canali diversi», afferma Paola Dubini. «Nell'applicare la televisione digitale alla propria comunicazione interna ed esterna, l'impresa sta introducendo un nuovo modo di pensare e fare la tv: l'impresa cambia la tv e ne è cambiata a sua volta. E' importante cominciare a confrontarsi e a riflettere su modalità ed entità di questi cambiamenti», precisa Paolo Prestinari. Per Giampaolo Colletti, «Teledipendente intende mettere in circolo idee, raccontare tutto ciò che si sta pensando e realizzando in un campo televisivo nel quale non ha cittadinanza quella tipologia di televisione propriamente conosciuta fino a qualche anno fa».
Su www.teledipendente.tv tutte le informazioni, il programma ed il tool di registrazione.

COMMENTI

Eventi