Ferpi > News > A Padova, l’arte del dibattito di impara a scuola

A Padova, l’arte del dibattito di impara a scuola

11/05/2011

L’abilità di parola richiede un costante esercizio anzi un vero e proprio allenamento: da questa convinzione nasce la _Palestra di Botta e Risposta,_ un progetto della facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Padova pensato per educare i giovani alla _ars disputandi._

L’abilità di parola fa più bene o più male? A questo quesito cercheranno di rispondere le due squadre finaliste della 5° finale di dibattito del torneo Palestra di Botta e Risposta: la disputa filosofica come formazione al dibattito nella scuola, rispettivamente I Sottili del Liceo Tito Livio di Padova e No you kant del Liceo Tito Lucrezio Caro di Cittadella.
Ma cos’è Palestra di Botta e Risposta ? Collegato al corso di “Teoria dell’Argomentazione” attivato dal 2001 nella Facoltà di Scienze della Formazione e tenuto da Adelino Cattani, “Palestra di Botta e Risposta” è un progetto di formazione al dibattito presentato dall’Università di Padova alle scuole superiori della regione Veneto. Ispirato all’idea che la discussione non sia solo un diritto e un dovere, ma anche un piacere, l’obiettivo di questo progetto è quello di creare persone consapevoli e libere, coscienti ed autonome in grado di pensare con la propria testa, capaci di sottoporre a collaudo queste loro elaborazioni, capaci di difenderle e capaci di valutare le elaborazioni degli altri.
Epistemologicamente questa formazione si fonda sull’idea che se non ci fosse un’opinione contraria bisognerebbe inventarla, idea patrocinata tra gli altri da W. Leibniz, da J. Stuart Mill e da K. Popper. Da un punto di vista pratico, il grave in una discussione non è tanto che ci siano vizi ed errori (cosa che pare inevitabile finché tutte le persone buone non saranno brave e tutte le persone brave non saranno buone), ma che l’interlocutore non li sappia individuare, smascherare e neutralizzare.
Questo è precisamente lo scopo del progetto “Palestra di botta e risposta” che ora si può avvalere per la sua promozione anche del contributo dell’ A.C.P.D. — Associazione per la Cultura e la Promozione del Dibattito: incentivare le attitudini utili e le conoscenze necessarie a promuovere le capacità di argomentare e contro argomentare. In una parola incentivare la capacità di discutere, avendo di mira la formazione di un vir bonus bene disputandi peritus.
Appuntamento quindi venerdì 13 maggio 2011 presso il Palazzo della Ragione di Padova, alle ore 15:30. L’evento è ad ingresso gratuito

COMMENTI

Eventi