Ferpi > News > A Roma una conferenza sulla meritocrazia

A Roma una conferenza sulla meritocrazia

23/07/2008

Roger Abravanel, autore di “Meritocrazia, 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto” (Garzanti 2008), introdurrà l'interessante dibattito sul tema. Moderatore della conferenza Nicola Piepoli, che vedrà la partecipazione di diversi professionisti della Comunicazione.

Si svolgerà giovedì 24 luglio 2008 alle ore 17.30 presso l’Hotel de Russie – Sala Torlonia – in Via del Babuino, 9 Roma, la conferenza dal tema:“LA MERITOCRAZIA”.


Il dibattito sarà introdotto da Roger Abravanel autore di “Meritocrazia, 4 proposte concrete per valorizzare il talento e rendere il nostro paese più ricco e più giusto” (Garzanti
Libri 2008).


Interverranno, insieme all’autore:


la dott.ssa Daniela Carosio (Direttore Centrale FS, Comunicazione Esterna di Gruppo, Pubblicità, Brand e Corporate Image)


la prof.ssa Maria Catricalà (Professore Ordinario di Linguistica e Comunicazione presso l’Università degli Studi Roma Tre)


il dott. Francesco Delzio (Direttore Relazioni Esterne e Affari Istituzionali del Gruppo Piaggio)


il dott. Roberto Diacetti (Direttore Generale Comitato Organizzatore Mondiali di Nuoto Roma 09)


il dott. Gioacchino Gabbuti (Amministratore Delegato ATAC)


il dott. Paolo Peluffo (Consigliere della Corte dei Conti)


la dott.ssa Serenella Ravioli (Direttore della Comunicazione Ministero dell’Interno).


Modererà il prof. Nicola Piepoli (Presidente dell’Istituto Piepoli S.p.A.)



Secondo Roger Abravanel la scarsa cultura del merito è una delle cause principali dell’impoverimento del nostro Paese. Il libro Meritocrazia ricostruisce la storia di un’idea rivoluzionaria e delle sue prime applicazioni, nelle più prestigiose università americane e nell’Inghilterra laburista. Illustra i valori profondi di giustizia e di eguaglianza su cui sono fondate l’ideologia e la cultura del merito.


Spaziando dalla Francia a Singapore, presenta una serie di esperienze pilota nelle aziende, nella pubblica amministrazione, nei sistemi educativi, nelle organizzazioni militari. Approfondisce le cause profonde del «mal di merito» nella nostra società e nella nostra economia. Segnala alcuni «semi del merito» italiani nelle imprese, nella ricerca scientifica, nella giustizia, dimostrando che anche da noi si può praticare la meritocrazia. Questa ampia e puntuale analisi consente di andare oltre le tradizionali denunce contro il sistema delle raccomandazioni e le vaghe dichiarazioni dei politici a favore del merito. Roger Abravanel formula infatti alcune proposte concrete e praticabili per dare slancio al nostro Paese, ispirandosi alle società più avanzate nello sviluppo della meritocrazia. Per sbloccare un’economia che stagna da più di vent’anni, è indispensabile valutare e valorizzare il talento nella scuola e nell’università, negli enti pubblici e nelle imprese. È necessario restituire ai consumatori e ai cittadini un ruolo centrale. È drammaticamente urgente aumentare le opportunità per le donne e i giovani.


Il Seminar organizzato dall’Istituto Piepoli coglie l’occasione della presentazione di questo volume, per discutere con alcuni Leader della situazione italiana, della mutagenesi in atto a livello sociale, dei possibili interventi e degli scenari futuri che si possono creare scoprendo e riscoprendo la meritocrazia come valore fondante della società moderna.

COMMENTI

Eventi