Ferpi > News > ABI e Borsa Italiana sull'evoluzione della comunicazione finanziaria ed il ruolo dei comunicatori

ABI e Borsa Italiana sull'evoluzione della comunicazione finanziaria ed il ruolo dei comunicatori

09/05/2006

La cronaca di due eventi a cura di Saverio Suraci.

Si sono svolti, nelle splendide cornici di Palazzo Mezzanotte a Milano e Palazzo Altieri a Roma, i due incontri promossi da Abi e Borsa Italiana relativi alle prospettive ed all'evoluzione della comunicazione finanziaria nel nostro Paese.I due Open day, tenutisi il 5 maggio a Milano e l'8 maggio a Roma, sono stati introdotti da Giampietro Nattino, Vice Presidente di Borsa Italiana e da Giuseppe Zadra, Direttore Generale ABI.Nella prima parte della mattinata gli interventi di Fabrizio Plateroti  e Paola Fico, rispettivamente Director Regulation & Post Trading e Listed Company Regulation di Borsa Italiana, hanno evidenziato come l'evoluzione del contesto normativo relativo alla comunicazione finanziaria nel nostro Paese si muova soprattutto sotto la spinta riformatrice dell'Unione Europea.Nella loro analisi sono stati sottolineati i concetti, sempre promossi dalla Comunità Europea, di "dissemination" e "storage" delle comunicazioni delle società al mercato: il primo indica la necessità che le informazioni siano accessibili a tutti senza discriminazione; il secondo esprime la volontà di rendere ogni comunicazione facilmente reperibile, in un secondo momento, attraverso un sistema di stoccaggio delle informazioni.
Nella seconda parte della mattinata, seguendo un filo conduttore caro ai comunicatori d'impresa ed ai responsabili delle relazioni pubbliche, legato ai concetti di trasparenza e chiarezza delle informazioni al mercato, Francesca Palisi, Responsabile Settore Ordinamento Finanziario di ABI, e ancora Paola Fico, hanno introdotto le novità fondamentali della nuova legge n. 262 del Dicembre 2005, approfondendo i temi della "corporate governance" alla luce delle novità apportate dal legislatore.Seppure con i dovuti distinguo, legati ad un'analisi compiuta a pochi mesi dall'entrata in vigore della legge stessa, non sono mancate le critiche sia alla forma sia al contenuto del nuovo testo normativo, che contrasta in alcuni casi le stesse direttive europee.Infine l'evoluzione della disciplina di intermediazione finanziaria è stata approfondita da Pierluigi Angelini, Responsabile Settore Finanziario di ABI, che ha sottolineato la tendenza in atto nel mercato europeo ad aumentare la competizione tra gli intermediari finanziari, nel tentativo di migliorare l'efficienza.Ci avviamo dunque verso un mercato sempre più competitivo, dove il facile accesso ad informazioni chiare, trasparenti e tempestive deve essere garantito dai comunicatori d'impresa per rendere maggiormente consapevoli gli investitori delle proprie scelte.Giusta dunque l'idea di rivolgere questi due "Open day" proprio ai responsabili della comunicazione ad ogni livello, per renderli consapevoli del loro ruolo fondamentale anche nel settore strettamente finanziario.
Saverio Suraci

COMMENTI

Eventi