/media/post/rsf7v7a/PASOCIAL4.jpg
Ferpi > News > Al via il gruppo di lavoro per la riforma della legge 150/2000

Al via il gruppo di lavoro per la riforma della legge 150/2000

09/01/2020

Rita Palumbo

Voluto dal Ministro per la Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, nasce il gruppo di lavoro per la riforma della legge 150/2000 sulle attività d’informazione e comunicazione nelle amministrazioni pubbliche e la Social Media Policy nazionale, con la partecipazione di Ferpi e degli altri protagonisti del mondo del giornalismo e dei corsi di laurea di Scienze della Comunicazione.

Oggi, 9 gennaio, al Dipartimento della Funzione Pubblica per l’Amministrazione Aperta nasce il gruppo di lavoro per la riforma della legge 150/2000 sulle attività d’informazione e comunicazione nelle amministrazioni pubbliche e la Social Media Policy nazionale. 

Il gruppo, voluto dal Ministro Fabiana Dadone, coordinato da Sergio Talamo Formez e PA Social, ha visto la partecipazione di Ferpi e degli altri protagonisti del mondo del giornalismo e dei corsi di laurea di Scienze della Comunicazione.

I temi: trasparenza, dati aperti, accountability degli amministratori pubblici, servizi digitali e competenze nelle PA per la partecipazione dei cittadini. Clima collaborativo e precise parole d’ordine: ascolto, deontologia e formazione, ma soprattutto distinzione dei ruoli e delle funzioni tra giornalisti e comunicatori per una riforma della Legge 150/2000 che definisca, in maniera adeguata ai tempi, vecchi e nuovi profili professionali e sia di riferimento per la valorizzazione economica di entrambe le professioni anche nella contrattazione collettiva.

Serrati i tempi di esplorazione delle varie proposte di modifica normativa; obiettivo è arrivare ad un’intesa tra i vari soggetti di rappresentanza sulle evoluzioni delle professioni giornalistiche e della comunicazione nelle PA.

Ringraziamo il Ministro Dadone, il coordinatore del gruppo di lavoro Sergio Talamo e Stefano Pizzicannella, che coordina il Piano Nazionale per l’Open Government, per aver dato vita ad un gruppo di lavoro che coinvolge - alla pari - tutti i soggetti interessati in questa sfida che porterà ad una concreta apertura e al rinnovamento dei linguaggi istituzionali per la comunicazione pubblica in Italia. 

COMMENTI

Eventi