Ferpi > News > Ancora lettera P per il nostro dizionario delle Rp

Ancora lettera P per il nostro dizionario delle Rp

01/06/2004

Questa settimana da Public responsibility a Protocol pr:

Public responsibilityE' la responsabilità di una organizzazione e di una persona verso l'interesse pubblico o il pubblico. In relazioni pubbliche rappresenta le modalità con cui una organizzazione si rende consapevole delle conseguenze che le sue attività hanno sugli altri e si sforza per minimizzare quelle negative e massimizzare quelle positive ricevendo in cambio una più forte 'licenza ad operare'.Public sphereLa sfera pubblica, teorizzata nel secondo dopoguerra dallo studioso tedesco Jurgen Habermas, che sta alla base della cosiddetta visione 'europea' delle relazioni pubbliche, contrapposta dai suoi teorizzatori (vedere Bled Manifesto 2002 a cura dello sloveno Dejan Vercic e dell'olandese Betteke Van Rule) a quella americana. In sostanza, mentre negli Stati Uniti le relazioni pubbliche implicano relazioni con i diversi pubblici di una organizzazione, prevalentemente privata; in Europa le relazioni pubbliche operano maggiormente all'interno della sfera pubblica (in tedesco, relazioni pubbliche si traducono in offentlicharbeit: lavorare in pubblico, con il pubblico, per il pubblico).PublicityAttenzione: il termine publicity significa due cose diverse a seconda se chi lo usa è americano o inglese. Se inglese, publicity è sinonimo di pubblicità. Se invece chi lo usa è americano, publicity è sinonimo di ufficio stampa. Il termine advertising, per significare pubblicità viene comunemente usato anche in Inghilterra, ma publicity è considerato più raffinato e più colto.Peer to peerLetteralmente pari a pari. Il termine deriva dal linguaggio di Internet e, in relazioni pubbliche, implica una totale simmetria fra i partecipanti a qualsiasi tipo di relazione.Protocol prE' la declinazione cerimoniale delle relazioni pubbliche. Lungi dall'essere superata, il protocollo assume una sempre maggiore rilevanza non solo nelle relazioni internazionali, ma anche nelle normali relazioni quotidiane fra una pluralità di soggetti. E' un aspetto della professione che il relatore pubblico consapevole non può non ritenere rilevante. 

COMMENTI

Eventi