Ferpi > News > Ceo Europe, figura professionale in discussione

Ceo Europe, figura professionale in discussione

22/11/2004

Le agenzie di Rp d'Oltreoceano non sembrano sicure della necessità di avere un Ceo Europe. O è solo una questione terminologica?

Si discute su PRWeek sulla necessità per le agenzie di rp d'oltreoceano di avere un Ceo per l'Europa, una figura che si faccia carico e si occupi delle operazioni nel vecchio continente. La questione è giunta alla ribalta da quando alcune grandi agenzie hanno eliminato la figura del Ceo Europe. Il Presidente delle operazioni internazionali di Weber Shandwick (WS) ha dato le dimissioni lo scorso settembre e non è ancora stato sostituito, lo stesso dicasi per l'ex Ceo Europe di Porter Novelli (PN) che ha abbandonato la carica a tutt'oggi ancora vacante, e anche Sun Microsystem ha consistentemente "alleggerito" il personale dirigente in Europa eliminando il tramite di questi tra le varie filiali nazionali e il centro operativo centrale.   La varietà nella composizione dell'Unione Europea, che per molti aspetti è ancora eterogeneità, è il dato di fatto intorno a cui si avviluppano sia le ragioni dei favorevoli che dei contrari. Data la diversità tra le nazioni europee è nacessaria una visione d'insieme del continente per sviluppare le migliori soluzioni, come si capisce dalla dichiarazione di Michale Murphy, International Ceo di Trimedia :"se non hai un Ceo Europe non puoi operare nel continente con successo. L'Europa non è un mercato, è una serie di mercati che si espandono e diventano ogni giorno più complessi. Data la diversità tra le nazioni europee è quasi ininfluente avere una figura che funge da intermediario con la sede centrale, argomentano invece i contrari.A sentire le spiegazioni di WB e PN il lavoro svolto dai precedenti Ceo Europe era troppo simile al micro-management e non rispondeva alle esigenze degli uffici centrali; i loro sostituti sul campo, sebbene abbiano diversa menzione professionale, svolgono comunque un lavoro che implica una visione continentale del mercato. Se non altro sembra tranquillizzante per il cliente avere un punto di riferimento europeo che abbia più potere delle filiali nazionali e dia garanzia di un'adeguata attenzione per le operazioni nel continente. Gabriele De Palma - Totem

COMMENTI

Eventi