/media/post/vqzzbec/ippolito_chieffi-750x330.jpg
Ferpi > News > Community: dalle possibilità di marketing allo storytelling

Community: dalle possibilità di marketing allo storytelling

08/04/2016

Filippo Nani e Elisa Mrakic

Twitter come strumento di ascolto, dialogo e difesa. È la nuova della declinazione di community emersa dalle parole di Salvatore Ippolito, Country Manager di Twitter Italia e Daniele Chieffi , Social Media Manager di ENI, protagonisti del secondo incontro dei workshop di InspiringPR “Faccio Cose Vedo Gente”, organizzato da Ferpi Triveneto lo scorso 2 marzo a Vicenza.

“Twitter non è un social in senso stretto è una piattaforma di comunicazione che offre agli utenti la possibilità di mettere in circolo informazioni in tempo reale e soprattutto uno strumento attraverso il quale ciascuno di noi può costruire una propria timeline partendo dai propri interessi”. Parola di Salvatore Ippolito, Country Manager di Twitter Italia. E’ stato lui, assieme a Daniele Chieffi , Social Media Manager di ENI, il protagonista del secondo incontro dei workshop di InspiringPR Faccio Cose Vedo Gente”, organizzato da Ferpi Triveneto sabato 2 marzo scorso, a Vicenza.

La grande novità di Twitter è stata (e continua ed essere) nella capacità di trasformare la comunicazione da push a pull grazie al meccanismo di selezione delle informazioni, ma soprattutto grazie al fatto che ogni singolo utente può interagire con la fonte e creare un dialogo diretto.

Rispetto ad altri social network la caratteristica dei 140 caratteri obbliga tutti gli utenti ad uno sforzo di sintesi che aiuta sicuramente l’efficacia del messaggio, per questo Twitter è uno strumento che fin da subito ha raccolto l’interesse dei comunicatori. Enrico Mentana, direttore del Tg de La 7 lo ha ribadito in serata nel corso di un incontro pubblico con lo stesso Ippolito e il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana: “Ogni giornalista usa twitter”. E non è un caso se il motto è “Se succede nel mondo, succede su Twitter”.

Nel corso dell’incontro con i soci Ferpi si è discusso a lungo anche e soprattutto sull’uso di questo strumento da parte delle aziende. Se per le grandi è scontato che Twitter sia uno strumento che ormai da tempo occupa risorse ed energie, non altrettanto lo è per la platea delle piccole e medie imprese che caratterizzano invece il Nordest, e non solo. Da questo punto di vista Ippolito ha ricordato che uno dei loro obiettivi è proprio quello aiutare le PMI ad utilizzare twitter per dialogare con i propri clienti: “Da fine 2014 abbiamo lanciato una piattaforma di self service per le pmi, con strumenti video esplicativi per fare da soli le proprie campagne. E questo abbatte decisamente i costi di accesso agli strumenti di real time marketing”. Un aspetto, questo, sottolineato anche da un esperto di online media relation come Daniele Chieffi: “Twitter permette di comunicare in modo efficace ed efficiente con i propri interlocutori e questo vale sia per la grande azienda che per tutte le realtà che in modo o nell’altro hanno bisogno di aprire canali di comunicazione verso l’esterno”.

Twitter, oltre a essere una fonte di Big Data dalla quale le aziende possono ricavare contenuti di interesse per i propri clienti, permette di applicare forme one-to-one marketing e di real time marketing. Un modo efficace per implementare la comunicazione e il dialogo con i propri clienti riducendo le distanze tra essi. Ippolito ha poi ricordato alcuni casi particolarmente efficaci di utilizzo della piattaforma e soprattutto ha sottolineato come sia possibile sfruttare le enormi potenzialità di Twitter anche con budget limitati.

“Twitter riscrive le regole del gioco.  Bisogna solo individuare il nostro posto nel mondo”, ha sottolineato Ippolito.

Per le piccole aziende Twitter si identifica, inoltre, come un territorio libero per lo storytelling, per raccontarsi e farsi conoscere. “Raccontare la propria attività, soprattutto per i piccoli imprenditori del Nord-Est è sempre stato difficile – ha aggiunto Daniele Chieffi - ma oggi più di ieri, per avere successo un’azienda deve essere capace di intercettare le dinamiche conversazionali dei propri possibili clienti e soprattutto non trascurare il fatto che sono proprio questi ad esigere sempre di più un dialogo diretto con le aziende. E Twitter è uno strumento privilegiato a questo scopo.

 

COMMENTI

Eventi