/media/post/7t4q79r/africa-cruise-safari.jpg
Ferpi > News > Comunicare l'Africa: quale la giusta narrazione?

Comunicare l'Africa: quale la giusta narrazione?

11/01/2018

Patricia Obozuwa

Troppo spesso, la complessità e la diversità di un intero continente si riducono a una singola storia. Siamo abituati ad associare all'Africa la povertà, le guerre, la corruzione, eppure non è solo questo. Questa è solo una delle possibili narrazioni che riguardano oltre un miliardo di persone che vivono una realtà anche molto diversa.

Parliamo dell'Africa. Intendo l'Africa sub-sahariana. Questa definizione di per sé è problematica, ma si tratta di un altro tema. In questo articolo, mi riferirò all'Africa sub-sahariana – questo assortimento di 1 miliardo di persone (presto saranno 2 miliardi… dipende da quanto presto si considerera il 2050) sparse in 49 paesi nell'Africa orientale, occidentale e meridionale - come all'Africa.

Nel corso degli anni abbiamo ascoltato diversi racconti sull'Africa nei media, solitamente abbastanza sbilanciati da una parte. Per moltissimo tempo, il mondo si è concentrato sulla narrazione delle "mosche negli occhi", come qualcuno potrebbe ben descriverla. Questa è la narrazione utilizzata dalle agenzie di sviluppo, dalle organizzazioni benefiche o dalle ONG che cercano di attrarre aiuti in Africa. Resa anche popolare dal pluripremiato brano del 1985 di USA for Africa, “We are the World”, che ha seguito il britannico “Do They Know it's Christmas?”.

Abbiamo anche ascoltato molto chiaramente la narrazione del "continente senza speranza" (scommetto che l'Economist non avrebbe potuto immaginare quanto sarebbe stata infame la sua copertina del maggio 2000). Questo tipo di racconto mostra problemi economici, colpi di stato militari, conflitti, corruzione, etc.

Naturalmente, come si può immaginare, questa narrazione si basa sui fatti. Persone, pubblicazioni e Paesi non stavano solo cospirando per dipingere un'immagine negativa dell'Africa. Molte delle economie semplicemente non funzionavano. C'è stata una massiccia corruzione, colpi di stato militari, dittature e una serie infinita di cattive gestioni economiche in diversi Paesi.

Poi è arrivata la narrazione "Africa Rising" degli anni 2000, resa popolare da un'altra cover story dell'Economist e dal famoso libro di Vijay Mahajan che mostra "come 900 milioni di consumatori africani offrono più di quanto si pensi". Questo racconto spesso guarda all'Africa attraverso lenti rosa, concentrandosi sulla rapida crescita economica e parlando di un continente "traboccante di telefoni cellulari e di attività energetiche".

Anche questa narrazione si basa sui fatti. L'Africa ha sette delle 10 economie in più rapida crescita al mondo. I colpi di stato militari sono in gran parte un ricordo del passato. Molti paesi hanno istituito programmi anti-corruzione. La classe media è cresciuta marcatamente. Gli investimenti esteri diretti in Africa sono aumentati in modo significativo. I conflitti esistono ancora ma non come prima. C'è il terrorismo religioso, ma questo esiste anche in Europa e negli Stati Uniti.

Il pericolo di una "unica storia" è ancora prevalente

Le economie subiscono cambiamenti. Con il crollo dei prezzi delle materie prime, i paesi ricchi di petrolio in Africa non hanno più il tipo di crescita di cui godevano negli anni 2000. Alcuni sono in recessione. Alcuni stanno ora uscendo dalla recessione. Ma l'Etiopia è l'economia in più rapida crescita al mondo. Anche Gibuti e Tanzania sono tra i primi 10. Alcuni paesi non produttori di petrolio stanno crescendo grazie al calo dei prezzi del petrolio. Alcuni paesi sono cresciuti semplicemente perché hanno fatto le giuste riforme che stanno dando risultati.

Quindi cosa facciamo? Data questa nuova realtà, non ha senso continuare a parlare di “Africa Rising”. Allo stesso tempo, non possiamo tornare al "continente senza speranza" o alle "mosche negli occhi".

Questi risultati misti rappresentano un nuovo problema. Non possiamo raccontare una singola storia dell'Africa. Iniziamo a vedere una realtà che è una raccolta di diversi Paesi differenti: popoli diversi, lingue diverse (oltre due 2.000), diverse economie. E alcuni paesi hanno distanze significativamente più lunghe tra uno e l'altro di quanto richieda viaggiare in gran parte d'Europa.

La percezione del quadro

Quindi parliamo di Africa solo per l’eterogeneo insieme di Paesi, culture e persone che nella realtà è.

Illustrerò alcuni fatti sui Paesi e sulle persone, concentrandomi sulla Nigeria (Africa occidentale), il Kenya (Africa orientale) e il Sudafrica (Africa meridionale). Ciò dovrebbe dare una prospettiva leggermente più ampia per aiutare a inquadrare le percezioni sul sub-continente e alcune di esse forniranno anche materiale interessante per conversazioni o forum in cui si parli di Africa.

La Nigeria, la più grande economia in Africa in funzione degli attuali tassi di cambio (e a seconda che si sia nigeriani o sudafricani), è stata descritta come una potenza economica. La Nigeria è uno dei maggiori produttori di petrolio del mondo con una produzione media di 2 milioni di barili al giorno. È il 7 ° paese più popoloso al mondo e un recente rapporto delle Nazioni Unite afferma che la Nigeria avrebbe superato gli Stati Uniti nel diventare il terzo paese più popoloso entro il 2050, appena dietro India e Cina. Questo la rende un enorme mercato per prodotti di consumo e praticamente qualsiasi altra cosa. Sono in Nigeria quattro delle città in più rapida crescita al mondo. Tuttavia, appena uscita da una recessione causata dal crollo del prezzo del petrolio, ci sono timori che un tale aumento della popolazione possa paralizzare le già inadeguate infrastrutture del Paese.

Nel 2009, l'industria cinematografica della Nigeria, comunemente nota come "Nollywood" aveva superato Hollywood come la seconda più grande industria cinematografica del mondo per volume, subito dopo l'India di Bollywood. E nel 2014 il governo nigeriano ha pubblicato dati che mostrano che Nollywood rappresenta un settore da 3,3 miliardi di dollari, con 1844 film prodotti solo nel 2013. Maggiori informazioni su questo tema qui. I critici dicono che "sebbene Nollywood abbia un volume d’affari, la sua produzione manca di valore e gli attori africani devono ancora sfondare a livello globale". Ma questa industria continua a svilupparsi rapidamente, al numero 2 per ora ed estremamente popolare in Africa e nella sua gente sparsa nella diaspora.

Il Kenya è uno dei maggiori produttori di caffè del mondo. Tè, caffè, orticoltura e turismo sono le maggiori industrie che alimentano la sua economia, la più grande dell'Africa orientale. Meglio conosciuta per la sua incredibile fauna (leoni, elefanti, leopardi, rinoceronti e bufali vivono qui) e i Safari, il Kenya ha anche una bellissima costa con città come Mombasa, Malindi e Kilifi. Mombasa (dove ho trascorso una delle mie migliori vacanze) è circondata dall'Oceano Indiano, rendendolo uno dei posti più belli.

I corridori keniani (e gli etiopi) hanno spesso eccelso nelle gare a media e lunga distanza, vincendo le maratone internazionali e producendo diversi campioni olimpici nel corso degli anni.

Il Sudafrica è principalmente conosciuto per il suo passato di apartheid e la successiva presidenza del grande Nelson Mandela. Ma c'è molto di più in questo paese. Con le sue città moderne e gli splendidi skyline, questo è un luogo che sfida totalmente tutte le visioni stereotipate sull'Africa. Nel 2006, il Sudafrica è stato il primo paese africano e il quinto paese al mondo a riconoscere il matrimonio omosessuale. Il primo trapianto cardiaco di successo è stato eseguito presso l'ospedale Groote Schuur di Città del Capo da un chirurgo sudafricano, Christiaan Barnard.

Il Sud Africa è la seconda economia più grande in Africa (di nuovo, a seconda che si sia nigeriani o sudafricani, io sono nigeriana). Il Sudafrica è uno dei paesi BRICS, un'associazione di cinque grandi economie nazionali emergenti. Si consideravano BRIC - Brasile, Russia, India e Cina - fino al 2010, quando è stato inserito il Sudafrica. Estremamente ricco di miniere e minerali, questo paese è ritenuto il leader mondiale con quasi il 90% di tutto il platino sulla Terra e circa il 41% di tutto l'oro del mondo. Il diamante più grande del mondo, una pietra di 3,106 carati chiamata "Cullinan" fu trovata nella Premier Mine di Pretoria nel 1905.

... e qui alcuni fatti casuali

  • L'ambientalista keniano Wangari Mathai ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2004 ed è stata la prima donna africana nera a vincere il premio. Altre due donne africane, l'attivista pacifista liberiana Lehman Gbowe e il presidente liberiano Ellen Johnson Sirleaf hanno vinto il premio Nobel per la pace nel 2011. Diversi altri uomini e donne africani hanno vinto premi Nobel per letteratura, pace, scienza e chimica.

  • L'attrice keniana Lupita Nyongo ha vinto un Oscar per il suo ruolo nel film, 12 anni schiavo, che ha visto anche l'attore britannico nigeriano, Chiwetel Ejiofor nel ruolo principale, nominato per l'Oscar.

  • Nel suo singolo Flawless del 2013, Beyoncé ha inserito un discorso tenuto dal pluripremiato scrittore nigeriano Chimamanda Ngozi Adichie dal titolo "We Should All Be Feminists". Questo discorso ha ispirato anche la famosa campagna della collazione primavera/estate 2017 di Dior, in cui era presente una famosa maglietta con le parole stampate.

  • Il Sudafrica ha uno dei treni più lussuosi del mondo. Fino a 72 passeggeri possono viaggiare in suntuosi treni ricoperti di pannelli di legno Rovos; le Royal Suites occupano metà della carrozza e dispongono di bagni di dimensioni standard, doccia separata, letto matrimoniale e due poltrone.

  • Luanda, la capitale dell'Angola, è la città più cara del mondo per gli espatriati, secondo la 23^ survey di Mercer sul costo della vita. Hong Kong è la seconda più costosa.


Fonte: GE




 

Patricia Obozuwa è Director of Communications & Public Affairs per GE Africa – una posizione che ricopre dall'aprile 2012 quando ha costruito la funzione. È alla guida do una squadra di comunicatori in tutta l'Africa subsahariana, costruendo e proteggendo il marchio e l'immagine di GE nel sub-continente. Ha fondato la piattaforma di CSR di GE Africa, GE Kujenga mirata all’emporwerment delle persone attraverso la costruzione di preziose, dotando le comunità di nuovi strumenti e tecnologie ed proponendo idee innovative che possano risolvere le sfide dell'Africa.

Patricia ha inoltre istituito il "GE Lagos Garage", un hub per lo sviluppo avanzato delle competenze di produzione che ha prodotto oltre 100 laureati in Nigeria fino ad oggi (novembre 2017).

Patricia è uno dei leader fondatori del co-hub della rete GE Women's per l'Africa sub-sahariana. Prima di entrare in GE, è stata Head, External Relations, Nigeria and Corporate Communication Leader, Sub-Saharan Africa at Procter & Gamble (P&G), dove ha aperto la strada alle relazioni pubbliche e costruito il team dell'Africa occidentale da zero.

 

COMMENTI

Eventi