/media/post/4btg8gs/fake.jpg
Ferpi > News > Edelman Trust Barometer 2019: crolla la fiducia nei media

Edelman Trust Barometer 2019: crolla la fiducia nei media

20/01/2019

Redazione

Sono i datori di lavoro l'istituzione di cui le persone, globalmente, si fidano di più. Continuano invece a colare a picco i media. A dirlo l’edizione 2019 dell'Edelman Trust Barometer, che misura la percezione di fiducia dei paesi nei confronti di diversi enti tra cui i governi e i media.

L’edizione 2019 dell’Edelman Trust Barometer, presentato nei giorni scorsi al World Economic Forum di Davos, rivela che nell'ultimo anno è profondamente cambiata la fiducia verso il “datore di lavoro” che emerge come l'istituzione più affidabile. A livello globale, il datore di lavoro" (75%) è significativamente più affidabile di ONG (57%), aziende (56%), governo (48%) e media (47%).

"L'ultimo decennio ha visto una perdita di fiducia nelle figure e nelle istituzioni tradizionali dell'autorità", ha affermato Richard Edelman, Presidente e CEO di Edelman. "Più recentemente, le persone hanno perso la fiducia nelle piattaforme sociali che hanno promosso la fiducia tra pari. Queste forze hanno portato le persone a spostare la loro fiducia nelle relazioni che si trovano sotto il proprio controllo, in particolare i loro datori di lavoro".

Questo passaggio alla fiducia localizzata si sta svolgendo nel contesto di un ritorno al più ampio divario di fiducia (16 punti) tra pubblico informato (65%) e popolazione di massa (49%). La separazione è guidata da picchi record nella fiducia tra il pubblico informato nei mercati sviluppati, mentre la fiducia della popolazione di massa rimane relativamente piatta. Il divario di fiducia è molto profondo nelle nazioni sviluppate (Regno Unito - 24 punti, Canada - 20 punti, Francia - 18 punti, Stati Uniti - 13 punti) e si è ora spostato anche nei Paesi in via di sviluppo (India - 17 punti, Cina - 12 punti).

La disparità di fiducia è anche parzialmente spiegata dal genere. Il divario di fiducia di genere è a due cifre in diversi mercati sviluppati, come la Germania (12 punti) e gli Stati Uniti (11 punti), per lo più spinti dalla minore fiducia delle donne nel mondo del business.

"I divergenti livelli di fiducia tra la popolazione di massa e il pubblico informato sul futuro segnalano un continuo incancrenimento nella struttura della società", ha affermato Stephen Kehoe, Presidente globale, Reputazione. "Mentre non tutti stanno scendendo in strada, i dati mostrano perché proteste come quella di Gilet Jaunes in Francia, le marce femminili in India e gli scioperi dei dipendenti di alcune importanti aziende tecnologiche potrebbero diventare sempre più mainstream".

Questa paura ha suscitato il desiderio di cambiamento e di informazioni fattuali che hanno portato a un aumento senza precedenti del consumo dei media e alla condivisione di notizie e informazioni, in aumento del 22% al 72%. La fiducia nei media tradizionali (65%) e nella ricerca (65%), sono ora ai massimi livelli storici mai raggiunti da grandi aumenti nei mercati sviluppati. Al contrario, la fiducia nei social media (43%) è rimasta bassa, soprattutto in diverse regioni sviluppate che mostrano enormi divari di fiducia tra i media tradizionali e social (USA, Canada, 31 punti, Europa, 26 punti).

I CEO dovrebbero guidare la lotta per il cambiamento. Più di tre quarti (76%) dicono di volere che i CEO prendano il comando del cambiamento invece di aspettare che il governo lo imponga. E il 73% crede che un'azienda possa intraprendere azioni che aumentano i profitti e migliorano le condizioni economiche e sociali della comunità in cui opera. I dipendenti si aspettano che i potenziali datori di lavoro si uniscano attivamente a loro nel sostenere questioni sociali (67%). Le aziende che vengono premiate con maggiore impegno (83%), difesa (78%) e lealtà (74%) dai loro dipendenti.

"Questo è l'emergere del nuovo contratto tra dipendente e datore di lavoro, che chiamiamo Trust at Work", ha affermato Edelman. "Questo contratto si basa sulle aziende che intraprendono quattro azioni specifiche: Lead on Change, stabilire un obiettivo audace che attrae dipendenti socialmente orientati e farne un obiettivo centrale; Empower Employees, tenere i dipendenti direttamente informati sulle questioni del giorno e dar loro voce sui canali aziendali; Start Locally, avere un impatto positivo nelle comunità in cui si opera; CEO Leadership, i CEO devono parlare direttamente sulle questioni del giorno. Le aziende intelligenti presteranno attenzione al fatto di creare fiducia dal profondo verso l'esterno mantenendo i dipendenti come punto focale".


Altri risultati chiave del Trust Barometer

  • La fiducia è cresciuta in 12 dei 15 settori, con la tecnologia (78%) che rimane maggiormente fidata, seguita dalla produzione (70%) e dal settore automobilistico (70%), che ha registrato il salto più consistente a sette punti. I servizi finanziari, che hanno visto un aumento di due punti fino al 57%, sono stati ancora una volta i meno affidabili a livello globale.
  • Le società con sede in Svizzera (71%), Germania (71%), Canada (70%) e Giappone (69%) sono le più fidate. I Paesi meno degni di fiducia sono invece il Messico (36%), l'India (40%), il Brasile (40%) e la Cina (41%).
  • Più donne (22 punti) rispetto agli uomini (20 punti) nel pubblico informato sono diventate”amplificatori” di notizie e informazioni lo scorso anno.
  • Il 71% dei dipendenti ritiene che sia fondamentale che il CEO sia in grado di reagire a questi tempi difficili.

 

COMMENTI

Eventi