/media/post/lctcz8a/infodemia-definizione.jpg
Ferpi > News > Edelman Trust Barometer 2021: l’infodemia alimenta la sfiducia nei leader

Edelman Trust Barometer 2021: l’infodemia alimenta la sfiducia nei leader

20/01/2021

Redazione

Il business sostituisce il governo come istituzione più affidabile, considerata molto più competente. Negli USA un sondaggio post elezioni rivela come la maggioranza degli americani ritenga di trovarsi mezzo di una pericolosa guerra fredda civile. Sono alcune delle evidenze emerse dall’edizione 2021 dell'Edelman Trust Barometer.

L'Edelman Trust Barometer 2021 rivela che le persone non sanno dove o a chi rivolgersi per ottenere informazioni affidabili. La maggioranza degli intervistati ritiene che i leader governativi (57%), gli imprenditori (56%) e i giornalisti (59%) stiano cercando di fuorviare volutamente le persone fornendo loro fake news. L'infodemia globale ha portato la fiducia a livelli minimi verso i social media (35%) e gli owned media di proprietà (41%), ritenuti i meno affidabili; i media tradizionali (53%) hanno registrato il calo maggiore di fiducia perdendo otto punti. A dicembre il sondaggio flash post elettorale condotto dall’Edelman Trust Barometer negli USA ha rilevato uno sbalorditivo divario di 39 punti nella fiducia nei media tra gli elettori di Biden (57%) e quelli di Trump (18%); un calo di 15 punti tra i sostenitori di Trump da novembre.

"Questa è l'era del fallimento dell’informazione", ha affermato Richard Edelman, CEO di Edelman. "Ci hanno mentito i leader e i media sono visti come politicizzati e parziali. Il risultato è una mancanza di informazione di qualità e una maggiore divisione. Il 57% degli americani trova la polarizzazione politica e ideologica così estrema da credere che gli Stati Uniti siano nel bel mezzo di una guerra fredda civile. Il violento assalto al Campidoglio e il fatto che solo un terzo delle persone sia disposto a sottoporsi il prima possibile al vaccino contro il Covid cristallizzano i pericoli della disinformazione".

Il business (61%) è emerso come l'istituzione più affidabile, in sostituzione del governo (53%). Il business è l'unica istituzione ritenuta etica e competente e supera il governo di 48 punti in termini di competenza e si avvicina alle ONG in materia di etica. Negli ultimi cinque mesi, le aziende hanno conquistato un livello elevato di fiducia sviluppando in modo proattivo vaccini a tempo di record e trovando nuovi modi di lavorare. La fiducia continua a spostarsi a livello locale, con gli intervistati che fanno sempre più affidamento sul "proprio datore di lavoro" al 76% e sul "CEO della propria azienda" al 63%.

Le realtà dell'aumento dei prezzi delle azioni e dei livelli di disoccupazione simili alla Grande Recessione, hanno contribuito a innescare un gap di fiducia record di 16 punti. Ci sono divari di fiducia a due cifre in 25 dei 28 mercati, rispetto ai sette in 21 mercati di appena un decennio fa.

Il rapporto di quest'anno rivela che la più grande opportunità per guadagnare la fiducia delle imprese è salvaguardare la qualità delle informazioni. Il 53% degli intervistati ritiene che le aziende debbano riempire il vuoto informativo quando i media sono assenti. Le comunicazioni dal "proprio datore di lavoro" sono la fonte di informazioni più affidabile (61%), battendo il governo nazionale (58%), i media tradizionali (57%) e i social media (39%).

"Gli eventi dello scorso anno hanno rafforzato la responsabilità delle imprese di occuparsi di questioni sociali, come il miglioramento delle competenze dei lavoratori e la giustizia razziale", ha affermato Edelman. "Hanno anche portato a nuove aspettative di business che espandono le proprie competenze in aree sconosciute, come la fornitura e la salvaguardia delle informazioni".

La fiducia è scesa precipitosamente nelle due maggiori economie. Gli intervistati diffidano profondamente dei governi degli Stati Uniti (40%) e cinese (30%) negli altri 26 mercati esaminati. La fiducia dei cittadini cinesi nelle istituzioni del Paese è scesa di 18 punti negli ultimi sei mesi al 72 per cento. Gli Stati Uniti hanno perso altri 5 punti dopo le elezioni (43%), un punteggio che li collocherebbe davanti solo a Giappone e Russia.

Date le nuove aspettative del business, ora ci sono nuove richieste da parte dei CEO: oltre 8 su 10 vogliono poter parlare di importanti questioni sociali, come l'impatto della pandemia, l'automazione del lavoro e i problemi della società. Più di due terzi si aspettano di poter intervenire quando il governo non si dimostra in grado di risolvere i problemi della società e il "CEO della propria azienda" è l'unico leader della società di cui si fidano sia gli elettori di Trump (61%) che quelli di Biden (68%).

"C'è un vuoto nella leadership che i CEO devono colmare", ha affermato Dave Samson, vice chairman of Corporate Affairs. "Si inizia con un mandato più ampio per le imprese che si focalizza sull'impegno sociale con lo stesso rigore utilizzato per realizzare profitti. Le aziende devono lavorare per mantenere la promessa della Business Roundtable di un'economia degli stakeholder, ma non possono essere attori solisti. Devono collaborare con il governo e le ONG per intraprendere un'azione collettiva per risolvere i problemi della società".

Altri risultati chiave dell'Edelman Trust Barometer 2021 includono:

  • Solo un intervistato su quattro pratica una buona igiene delle informazioni: engagement nelle notizie; evitare le camere di risonanza; verificare le informazioni; e non condivider le informazioni non controllate.

  • Tra coloro che praticano una scarsa igiene delle informazioni c'è sostanzialmente meno disponibilità a ottenere il vaccino entro il primo anno dalla sua disponibilità (59% contro il 70% per le persone con una buona igiene delle informazioni). C'è ancora maggiore esitazione sul vaccino tra i neri negli Stati Uniti, sulla base delle discriminazioni mediche e dei maltrattamenti passati e presenti.

  • Il 56% ritiene che la pandemia accelererà la velocità con cui le aziende sostituiranno i lavoratori con IA e robot.

  • Il 52% degli intervistati che può scegliere dove lavorare sceglie di lavorare a casa e il 58% di essi citano come motivo il rischio di contrarre il Covid-19 durante il pendolarismo o in ufficio.

  • Gli accademici (59%) e i tecnici delle aziende (59%) rimangono i portavoce più credibili, ma hanno registrato rispettivamente un calo di 8 e 10 punti. Il calo maggiore è stato tra i dipendenti (in calo di 14 punti al 40%) e una “persona come te” (in calo di 7 punti al 53%).

COMMENTI

Eventi