/media/post/g3ucved/expo-2015-donne.jpg
Ferpi > News > Emergenze e crisi, il ruolo della comunicazione

Emergenze e crisi, il ruolo della comunicazione

23/02/2018

Come rispondere a un’emergenza o a una crisi? Quali sono le azioni che un’azienda deve intraprendere per far sì che non ne venga compromessa la reputazione o i risultati di business? Questi i temi centrali del corso "Comunicazione in emergenza", in programma a Roma il 5 aprile e a cura di Letizia Di Tommaso. Docenti esperti della materia, giornalisti e professionisti operativi nell’ambito della comunicazione dei corpi militari italiani metteranno a disposizione la propria expertise per offrire una riflessione approfondita sul tema del crisis management.

 

Gli eventi catastrofici e le crisi possono destabilizzare la vita in azienda, mettendo in discussione anni di lavoro e di obiettivi raggiunti. Le organizzazioni, in queste situazioni, tendono a temporeggiare più che a gestire, a prolungare il silenzio, dimenticando quanto possa essere importante e strategico misurarsi con il percepito del pubblico. Il livello di rischio di una crisi, infatti, è un fattore relativo, che dipende in larga misura da come esso è avvertito dalla società. In questi contesti il ruolo del comunicatore diventa decisivo per costruire uno storytelling che sia anche emotivo, che riesca a mettere in atto un processo di identificazione con le singole persone, finalizzato a salvaguardare la propria reputazione, a garantire la business continuity e a creare le condizioni di recupero. Le operazioni di ascolto e di monitoraggio rappresentano la bussola per procedere a pianificare operazioni in linea con quanto il mondo esterno, impattato dalla crisi, si aspetta. Lo stesso vale per le emergenze: affermare la presenza attiva dell’azienda, adoperarsi per informare, consigliare e tranquillizzare riduce gli impatti negativi e trasmette l’interesse verso i propri interlocutori.

In merito a questi argomenti il 5 aprile a Roma la CASP di Ferpi ha organizzato il corso "Comunicare in Emergenza". Una giornata di formazione strutturata in quattro moduli di approfondimento, per offrire una panoramica quanto più esaustiva sul tema, analizzando il punto di vista di chi subisce la crisi, di chi la racconta e di chi la affronta.

Durante il primo modulo, guidato da Letizia Di Tommaso, Responsabile Comunicazione e ufficio stampa del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta si entrerà nel vivo nella gestione delle emergenze, identificando i modelli per la creazione di una crisis room in grado di individuare l’evento catastrofico e di analizzarlo in modo da gestire gli interlocutori sulla base dei livelli di rischio che occupano.

Il secondo modulo sarà coordinato da Massimo Alesii di Agt Communication e verterà sull’analisi dei case studies che hanno come protagonisti le grandi emergenze e crisi aziendali. Nel dibattito si avrà modo di confrontare teoria e prassi e di individuare le best practice nella comunicazione di crisi.

Nel terzo modulo Simonetta Pattuglia, Docente di Marketing e Comunicazione all’Università di Roma Tor Vergata, introdurrà il tema delle key words del mestiere del relatore pubblico il quale, nelle situazioni di crisi, deve essere in grado rafforzare la posizione aziendale in merito al problema e di fornire agli interlocutori delle informazioni precise, semplici e significative.

Infine, nel quarto e ultimo modulo a cura di Trisha Thomas, Giornalista di Associated Press, verrà affrontato più da vicino il tema dei media e delle modalità in cui l’informazione opera negli scenari di crisi a seconda delle piattaforme, oggi sempre più diverse e integrate tra di loro, ma tutte indispensabili per fornire un’adeguata conoscenza del messaggio a seconda del target.

Il corso è aperto a tutti, soci e non soci.

Dà diritto al riconoscimento di 100 crediti formativi ai Soci Ferpi ai fini della qualificazione necessaria all’aggiornamento professionale interno.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il corso si svolgerà solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.




 

Informazioni
Tel. 02 58312455
Email: casp@ferpi.it

 

COMMENTI

Eventi