Ferpi > News > Ferpi alla 62^ edizione del Prix Italia

Ferpi alla 62^ edizione del Prix Italia

15/09/2010

Mercoledì 22 settembre, il convegno "Informazione e cultura nella network society: il ruolo delle Relazioni Pubbliche”.

Ferpi, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, partecipa alla 62esima edizione del Prix Italia di Torino, promuovendo un convegno dal titolo "Informazione e cultura nella network society: il ruolo delle Relazioni Pubbliche”, mercoledì 22 settembre 2010 alle ore 15, presso Rai Studio TV 7.
Nato da un’idea di Elisa Greco, delegato nazionale per la Comunicazione culturale di Ferpi, e inserito nel ventaglio di iniziative organizzate per celebrare i 40 anni di Ferpi, il dibattito si propone di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla relazione, sempre più strategica, tra comunicazione, cultura e informazione.
Ferpi ha scelto il Prix Italia, il più prestigioso concorso internazionale per programmi tv, radio e web che riunisce ogni anno i principali network radiotelevisivi, per incoraggiare una riflessione su come è cambiato il modo di divulgare la cultura nel nostro Paese, rispetto anche ad altri scenari mondiali.
Alla tavola rotonda parteciperanno Giovanna Milella, segretario generale del Prix Italia, Amanda Jane Succi, segretario generale Global Alliance for Public Relations and Communication Management, Elisa Greco, coordinatrice del convegno, Toni Muzi Falconi, senior consultant Methodos spa e professore in Global PR alla New York University, Annamaria Martina, direttore della divisione Cultura, Comunicazione e Promozione della Città di Torino, Eric Reguly, corrispondente europeo per il The Globe and Mail (Canada). Chiuderà i lavori Gianluca Comin, presidente di Ferpi.
«Grazie allo sviluppo dei nuovi sistemi informativi e all’interattività della rete con i social network – sottolinea Comin – le peculiarità delle relazioni pubbliche, ascolto, dialogo e trasmissione dei messaggi-chiave, si sono rivelate fondamentali nella comunicazione d’impresa e, da tattiche, sono diventate strategiche. La rete consente quindi di valorizzare il ruolo e l’efficacia delle relazioni pubbliche e del marketing, creando un valore aggiunto legato alla relazione, mediante la quale l’impresa può essere vicina ai reali bisogni del proprio pubblico di riferimento».
Toni Muzi Falconi, past president Ferpi e delegato nazionale ai rapporti Internazionali, spiega che l’idea del convegno nasce dall’esigenza di verificare l’evoluzione del «rapporto fra chi produce cultura e informazione ( media e istituzioni culturali) e chi rappresenta gli interessi delle organizzazioni (professionisti delle relazioni pubbliche). La prospettiva è quella di una società globale sempre più reticolare dove il valore prodotto dalle organizzazioni risiede principalmente nella qualità delle loro relazioni con i pubblici che agevolano od ostacolano il raggiungimento degli obiettivi perseguiti».
Il convegno s’inserisce nell’ambito delle iniziative promosse da Ferpi per celebrare i 40 anni di attività tra tradizione e innovazione. Con il consueto intento di creare sinergie sempre più forti tra le istituzioni, il mondo delle università, i professionisti della comunicazione e le aziende italiane, Ferpi ha previsto un ricco programma di attività volte a promuovere il dibattito sul ruolo e sugli scenari futuri delle relazioni pubbliche, tra le quali anche nuovi percorsi di formazione dedicati agli specialisti del settore delle rp.

COMMENTI

Eventi