Ferpi > News > Ferpi Triveneto si siede a tavola e guarda al futuro

Ferpi Triveneto si siede a tavola e guarda al futuro

07/06/2005
I SOCI DEL TRIVENETO PER LA FERPI CHE VERRA'"Il modo migliore per conoscere le persone è con le gambe sotto la tavola"E' proprio ciò che è successo nei giorni scorsi ai soci del Triveneto.Nel mese di maggio un folto gruppo di Ferpini veneti e friulani hanno potuto incontrarsi, rivedersi (alcuni dopo molto tempo), conoscersi personalmente nel corso di due cene organizzate a Treviso e a Verona dal referente territoriale Giampietro Vecchiato.L'idea degli incontri conviviali (promotrice Roberta Zarpellon) è nata dalla difficoltà di organizzare riunioni più o meno formali per definire insieme come promuovere la cultura della professione nel Triveneto. Una cena, invece, è risultata più attraente e meno impegnativa; anche se nella cornice informale sono stati affrontati argomenti di rilevante importanza.Negli ultimi due anni, nel Triveneto sono state realizzate molte iniziative, alcune mutuate dalle direttive nazionali, altre come espressione propria dell'area. La necessità era però quella di fare il punto della situazione e un salto di qualità in vista del rinnovo delle cariche per i prossimi due anni.A Preganziol, i soci intervenuti (Bagno, Bardus, Dal Brolo, De Monte, La Caria, Marcolongo, Pinton, Vecchiato, Ventoruzzo, Veronese, Zanella), alcuni molto giovani, hanno discusso del rapporto tra relazioni pubbliche e marketing, del rapporto di Ferpi con le Università, della necessità da parte dei relatori pubblici di confrontarsi tra loro per non essere "soli" nel mercato. Tutti si sono impegnati a tradurre in azioni concrete la propria volontà di rendere i relatori pubblici più visibili e riconoscibili nel territorio.A Verona una decina di volti tra vecchi e nuovi (Arzenton, Ceccon, Cozzi, La Caria, Pasqua di Bisceglie, Revelant, Sinigalia, Vecchiato, Zecchini) - vi facciamo notare i due soli uomini in un universo femminile - si sono ritrovati a bere un bicchiere di buon vino e a conversare di relazioni pubbliche per le piccole imprese, di accreditamento della professione presso gli enti pubblici e le associazioni di categoria, di formazione interna ed esterna dei professionisti di relazioni pubbliche. Anche in questo caso l'impegno è stato quello di ritrovarsi a Trieste per il WPRF e di continuare da settembre un lavoro di promozione della professione in maniera consapevole pianificata.L'entusiasmo sia dei nuovi che dei vecchi soci è stato il termometro delle due cene che hanno rinsaldato i capisaldi della comunità FERPI nel Triveneto, pronta per riprendere nel nuovo mandato il lavoro svolto in quello sta per termimnare, con impegni personali dei soci sia a livello nazionale che locale.Mariapaola La CariaMarta Bagno

COMMENTI

Eventi