Ferpi > News > Forbes.com: la pubblicità tra le righe delle notizie finanziarie

Forbes.com: la pubblicità tra le righe delle notizie finanziarie

10/08/2004

Nuova controversia sulla commistione fra giornalismo e pubblicità.

Forbes.com ha iniziato a inserire link ad annunci pubblicitari all'interno dei suoi articoli. Il nuovo sistema di advertising online, IntelliTxt, svluppato dalla società di San Francisco Vibrant Media, è stato adottato da un paio di centinaia di riviste elettroniche: tra queste, il nome di Forbes.com è sicuramente il più significativo, giornalisticamente parlando, e infatti il sito, per quanto riguarda l'informazione di tipo finanziario, si piazza al sesto posto nella classifica delle preferenze degli utenti stilata dal servizio NetRatings di Nielsen.Gli inserzionisti pagano Vibrant Media per essere associati a certe parole, che, nelle pagine dei siti legati a IntelliTxt, sono evidenziate con doppia sottolineatura; al passaggio del mouse su quelle parole, appare un piccolo box pubblicitario, con link di approfondimento.Le nuove tecniche di advertising online, che attirano un rinnovato interesse da parte degli inserzionisti, non mancano, come in questo caso, di suscitare polemiche. I vertici di Forbes.com dicono che si tratta di un esperimento e che durante l'estate sarà monitorata con costanza la reazione degli utenti del sito: se la pubblicità inserita nei contenuti editoriali dovesse generare confusione o disappunto tra i lettori, l'iniziativa sarà sospesa. Critiche sono arrivate dal settore advertising del Wall Street Journal. E anche da CBS Marketwatch: Larry Kramer, presidente e amministratore, teme che il sistema possa erodere la barriera tra advertising e notizie e avanza l'ipotesi che i giornalisti possano scivolare nella stesura di storie contenenti appositamente le parole pubblicitarie.Jim Spanfeller, alla guida di Forbes.com, rassicura: il sistema lavora in modo tale che chi scrive non è a conoscenza delle parole-chiave e dei nomi degli inserzionisti e dunque non si correrebbe il rischio di avere contenuti giornalistici adattati al sistema di advertising.Gli editori possono comunque scegliere le sezioni dei loro siti in cui includere i link di IntelliTxt e la scelta cade perlopiù sulle aree destinate a news finanziarie o tecnologiche.
S.C. - Totem

COMMENTI

Eventi