/media/post/hqdppag/bj.jpg
Ferpi > News > Formazione Connessa alla scoperta del Brand Journalism

Formazione Connessa alla scoperta del Brand Journalism

10/03/2020

Redazione

Cos'è il Brand Journalism e qual è il suo rapporto con la comunicazione pubblica? Come scrivere una relazione narrativamente efficace secondo i canoni del giornalismo aziendale? Come coinvolgere e creare valore? Sono alcuni dei temi di cui parlerà Michela Trada, il prossimo q5 aprile, durante l'appuntamento della Formazione Connessa di Ferpi, in collaborazione con L'Eco della Stampa.

Nel maggio del 2013 numerosi mezzi di informazione, dai quotidiani americani e inglesi alle testate specializzate (tra le quali Mashable, Adweek, Co.design), riportarono la notizia di una lattina di Coca-Cola divisibile in due, lanciata a Singapore. Una copertura media notevole, ottenuta senza nemmeno un comunicato stampa: un risultato inedito anche per un brand universalmente noto come Coca-Cola. “Non abbiamo fatto alcun lancio stampa”, confermò Ashley Brown, allora a capo della comunicazione digitale della multinazionale, “la storia è uscita sui giornali perché l’abbiamo ‘coperta’ noi stessi”. Tutti i media, infatti, avevano ripreso la notizia da Coca Cola Journey, il progetto di brand journalism lanciato poco più di un anno prima. “Ho una missione”, spiegò Brown, “uccidere il comunicato stampa”: il suo obiettivo era quello di ridurre della metà i comunicati entro il 2013 e di eliminarli completamente entro il 2015. Brown ha poi lasciato la società nel 2014 – attualmente è ad Amazon – senza portare a termine la sua missione: Coca-Cola Journey continua a raccontare storie ed è sempre uno degli esempi più citati di brand journalism, ma nel suo Press Center i comunicati stampa ci sono ancora.

Del nuovo modo di trattare i comunicati stampa parlerà Michela Trada, Brand Journalist, Content marketing specialist e Business blogger, durante il prossimo appuntamento con la Formazione Connessa di Ferpi.

Per info e iscrizioni: casp@ferpi.it

COMMENTI

Eventi