Ferpi > News > Giampaolo Fabris parla del "Societing"

Giampaolo Fabris parla del "Societing"

03/07/2008

Per la consueta rubrica settimanale The Magazine Post ci propone l'intervista al noto sociologo.

The Magazine Post conosciuto con l’acronimo TMP è un progetto editoriale di altissimo spessore contenutistico che rende possibile ascoltare direttamente la voce dei Leader attraverso il web. Le interviste proposte a personaggi di spicco del mondo economico, politico, uomini di aziende, manager ed autori di libri rappresentano un innovativo modo di Informare, Approfondire, Sapere.


Per la consueta rubrica settimanale questa settimana TMP propone l’intervista a Giampaolo Fabris, Presidente del Comitato Scientifico di GPF (Gruppo Reti), e professore ordinario di Sociologia dei Consumi all’Università San Raffaele, dove insegna anche Strategia e Gestione della Marca, nonché Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione nella Facoltà di Psicologia ed autore del libro Societing


Secondo l’autore stiamo entrando in una nuova epoca, in un’epoca della post-modernità e con il termine “Societing” si indica una nuova direzione, e quindi occorre rivisitare le conoscenze, le mappe ed i paradigmi attuali. La parola “market” che forma marketing, deve essere sostituito dalla parola “Society” che vuole sottolineare la prospettiva di togliere il marketing da una logica aziendalistica e farlo diventare una scienza sociale. Il marketing che conquista, seduce per irretire il consumatore a comprare, deve tramutarsi invece in un rapporto relazionale, che grazie alle nuove tecnologie è sicuramente possibile.


Il marketing sta divenendo funzionale, una funzione tattica e non più strategica. Occorre invece attualizzarlo e donargli una nuova legittimazione sociale. Il consiglio per i marketing manager, è dunque di prendere consapevolezza e puntare inoltre alle scienze sociali, scienze dell’uomo per capire realmente come rapportarsi agli individui, che non sono solo dei target da “colpire”, si deve comportare come un operatore culturale che non veicola solo valori d’uso ma valori simbolici.


Ascolta l’intervista su www.themagazinepost.tv

COMMENTI

Eventi