Ferpi > News > Grecia e viaggi di stampa: regime di austerity

Grecia e viaggi di stampa: regime di austerity

06/09/2005

Il governo greco taglia i fondi della comunicazione e abolisce i viaggi stampa ufficiali. Per ridurre il debito pubblico niente coda di giornalisti dietro al Primo Ministro.

Il premier, Costas Caramanlis, dovrà rinunciare al piacere di essere accompagnato sempre nei suoi viaggi ufficiali da pr e giornalisti, come tradizione vorrebbe. Il fine, che giustifica i mezzi, è quello di tagliare i fondi della comunicazione. Il vero problema è il debito pubblico, che in Grecia è ormai al 6,1%, motivo per cui il paese è stato messo sotto sorveglianza europea.
Nelle parole del portavoce del Primo Ministro, Théodore Roussopoulos, la spiegazione del nuovo atteggiamento del governo nei confronti della comunicazione: "l'amministrazione continua a sostenere la "presse", ma i viaggi stampa ufficiali non possono gravare così tanto sul bilancio statale.
Emanuela Di Pasqua - Totem

COMMENTI

Eventi