/media/post/hhr4b3l/cambiamento-climatico.jpg
Ferpi > News > Green different: il futuro sostenibile della comunicazione

Green different: il futuro sostenibile della comunicazione

18/03/2016

L’informazione e la comunicazione dei temi legati all’ambiente soffre di una grave contraddizione. Lo stato di salute del Pianeta, infatti, fa notizia quando il danno è ormai compiuto. Al di là degli eventi catastrofici, però, il tema del dissesto idrogeologico e dei cambiamenti climatici, è sostanzialmente ignorato dai media. Al tema, Ferpi dedica un corso, a cura di Simonetta Blasi e Simonetta Lombardo in programma il prossimo 13 maggio a Roma.

Lo scorso anno il nostro pianeta ha raggiunto un record storico sfiorando i cinquanta miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra nell’atmosfera. Da quando l’uomo è comparso sulla terra (circa diecimila anni fa) non si è mai trovato in condizioni così drammatiche per l’intero ecosistema.  Questo è solo uno dei grandi allarmi che da alcuni decenni gli studiosi del clima pongono al centro del dibattito pubblico. Eppure continuano a non essere ascoltati e cinicamente ignorati nonostante i rischi siano gravi ed imminenti. E’ necessaria una presa di coscienza da parte di tutti, non solo dei “grandi” del Pianeta, che lo scorso anno si sono ritrovati a Parigi in occasione di COP21 (la Conferenza Mondiale sul Clima), ma anche dei singoli governi come quello italiano che rimandano sovente provvedimenti sul tema. Allora è giusto chiedersi, c’è un problema di comunicazione? Appare evidente un disinteresse dell’informazione a questo tipo di tematiche.

L’informazione e la comunicazione dei temi legati all’ambiente soffre di una grave contraddizione. Lo stato di salute del Pianeta, infatti, fa notizia quando il danno è ormai compiuto: come ad esempio le recenti piogge, vere e proprie bombe d’acqua, che hanno flagellato intere regioni italiane ma anche del resto d’Europa e del mondo; oppure lo sversamento di greggio e combustibili fossili in genere nei mari e negli oceani di tutto il globo; ancora le inondazioni che imperversano periodicamente nei cinque continenti causati da terremoti e tsunami che provocano vittime e danni enormi. Al di là di questi eventi catastrofici, che si ricavano fatalmente uno spazio nella cronaca, il tema del dissesto idrogeologico e dei cambiamenti climatici, con le alterazioni ormai riscontrabili anche alle nostre latitudini, è sostanzialmente ignorato dalle testate a larga diffusione e dai palinsesti televisivi. Si trasmettono decine, centinaia di dibattiti e di talk show, senza dedicare neppure un minuto a temi divenuti ormai urgenti come la perdita di biodiversità, l’adattamento ai nuovi rischi ambientali, le opportunità collegate al rimodellamento della nostra economia nella direzione dell’efficienza.

A questi ed altri temi la Commissione di Commissione di Aggiornamento e Specializzazione Professionale (CASP) di Ferpi ha deciso di dedicare una giornata di approfondimento dal titolo “Green Different. Le risorse, le politiche, le relazioni che fanno la differenza per il futuro sostenibile dell’impresa”,  che si terrà a Roma il prossimo 13 maggio, dalle 10.00 alle 18.00. Il corso sarà a cura di Simonetta Blasi, Pubblicitaria professionista e Socio Ferpi; e Simonetta Lombardo, Giornalista professionista, ambientalista e Communication Manager.

Gli Obiettivi: a) Rinnovare il paradigma sociale e culturale per rilanciare un’economia sostenibile; b) La situazione in Italia e all’estero (da Expo2015 al Summit sul clima di Parigi passando per l’enciclica del Papa ‘Laudato Si’); c) gli Stati Generali della Green Economy ed Ecomondo; d) Green, circular and bio economy; e) il concetto di materia rinnovabile e l’economia condivisa; f) Le politiche europee, il primato italiano nelle bioplastiche, le esperienze tedesca e britannica; g) Esempi virtuosi (campagne e case study); h) reputazione e rischio: valorizzazione degli elementi green per l’impresa; i) green-storytelling and greenwashing.

 

Il corso darà diritto al riconoscimento di 100 crediti ai soci Ferpi ai fini della qualificazione professionale, ed è aperto anche ad Iscritti esterni alla Federazione.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il seminario si svolgerà solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

Per informazioni ed iscrizioni:


FERPI

e-mail: casp@ferpi.it
T. 02 58312455
Via Lentasio, 7 – Milano

COMMENTI

Eventi