Ferpi > News > I migliori e i peggiori del 2004

I migliori e i peggiori del 2004

03/01/2005

Le classifiche di Prsa per le gaffes e le best practice del 2004.

Prsa stila come ogni anno la classifica dei migliori e dei peggiori atti di comunicazione dell'anno appena terminato. Le peggiori gaffes sono state: le immagini delle torture e delle umiliazioni nel carcere iracheno di Abu Ghraib e la loro malgestione da parte del segretario alla difesa Donald Rumsfeld. Al secondo posto la mega rissa scoppiata durante l'incontro tra le squadre professionistiche di basket Indiana Pacers e Detroit Pistons. Al terzo posto di tale scomoda classifica la trasmissione 60 minutes in cui il più famoso degli anchorman a stelle e strisce, Dan Rather, ha accusato il Presidente Bush di aver mentito riguardo il suo servizio militare assolto presso la guardia nazionale, accuse che poi ha dovuto ritrattare.
I premi ai migliori comunicatori sono invece andati a Lou Cancelmi. Il Vice President delle comunicazioni di Alaska Airlines, cui va il merito di aver messo in atto una campagna di comunicazione che ha risollevato del tutto l'immagine della compagnia, gravemente messa a repentaglio nel 2000 da un incidente in cui persero la vita 88 passeggeri, ha vinto il premio come miglior professionista dell'anno.Quale miglior nuovo membro Prsa del 2004 è stata votata Kathryn Reith, che si è distinta nell'organizzazione dell'annuale Nonprofit Seminar.Infine il premio alla carriera è andato a Harold E. Carr, Vice President delle relazioni pubbliche e dell'advertising di Boeing dal 1986, soprattutto in considerazione dell'istituzione dell'archivio storico di Boeing e della newsletter settimanale destinata ai dipendenti.
Gabriele De Palma - Totem

COMMENTI

Eventi