Ferpi > News > Il governo delle relazioni, prima innovazione per il turismo

Il governo delle relazioni, prima innovazione per il turismo

18/05/2011

E’ quanto è emerso a margine del convegno _Turismo e Cambiamento. Il viaggio dell’innovazione,_ organizzato da Forum PA e in cui Ferpi ha invitato gli operatori pubblici e privati ad utilizzare le nuove tecnologie per attivare, migliorare e gestire le relazioni nel sistema turistico.

L’innovazione tecnologica può offrire un apporto straordinario al turismo in continua trasformazione, ma non basta da sola se non serve a ‘rimettere al centro’ la persona, a valorizzare e gestire le relazioni sia all’interno delle organizzazioni turistiche, sia con i turisti nel mercato. E’ questo in sintesi il messaggio che Ferpi ha voluto portare al convegno Turismo e Cambiamento. Il viaggio dell’innovazione che si è tenuto il 12 maggio durante il Forum PA di Roma.
L’ intervento del vicepresidente Ferpi, Giampietro Vecchiato, ha inteso evidenziare il ruolo innovativo del ‘governo delle relazioni’ per la competitività di un prodotto turistico composto da una molteplicità di attori. “Il lavoro delle Relazioni Pubbliche è quello di ‘costruire ponti’ tra le persone e tra le organizzazioni”, ha ricordato Vecchiato, “e nel turismo, settore tanto complesso e frammentato, le relazioni vanno gestite come strumento innovativo di sviluppo”.
Il vicepresidente Vecchiato ha riportato inoltre i primi risultati di un’indagine Ferpi dedicata agli operatori turistici italiani pubblici e privati, che sarà ancora attiva online. Le prime risposte evidenziano un forte riconoscimento dell’importanza della qualità delle relazioni per lo sviluppo del settore turistico (84,3%), della necessità di gestire le relazioni per il funzionamento e il successo dei sistemi turistici (68%) ma, al contempo, una valutazione mediamente bassa o appena sufficiente delle relazioni attualmente esistenti sia tra gli operatori del sistema turistico sia con il mercato.
Rispetto alle RP, il ruolo della professione è complessivamente ben percepito dagli intervistati, ma le aspettative riguardano maggiormente la promozione e la visibilità, sebbene non sia irrilevante la richiesta di relazione.
Il 74,3% degli intervistati riconosce alla funzione delle Relazioni Pubbliche un’importanza maggiore rispetto al passato.
Come mai, a dispetto di questa consapevolezza, il nostro sistema turistico ancora non funziona? “Non bisogna sottovalutare alcune forti criticità italiane, come l’individualismo e la conflittualità, la confusione dei ruoli e la frammentarietà, la carenza di pianificazione e coordinamento e la scarsa conoscenza del mercato”, sottolinea Giampietro Vecchiato, “ma la soluzione sta proprio nella comunicazione innovativa per il ‘governo delle relazioni’. “E’ importante”, conclude il vicepresidente Ferpi, “che il sistema Italia esca dalla fase dei ‘turismi per caso’, rinunci alle improvvisazioni e avvii un percorso di sviluppo strutturato, impiegando le professionalità di cui dispone”.
Al convegno, introdotto e moderato da Edoardo Colombo (coordinatore del Comitato per l’Innovazione nel Turismo del Ministro del Turismo), sono stati premiati dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo i progetti turistici territoriali che hanno meglio dimostrato di saper utilizzare le innovazioni per promuovere il cambiamento in risposta alle nuove esigenze del mercato.

COMMENTI

Eventi