/media/post/dtab5e7/16_125223.jpg
Ferpi > News > Il ruolo della comunicazione nel Crisis Management

Il ruolo della comunicazione nel Crisis Management

02/03/2018

La comunicazione supporta le attività delle organizzazioni e contribuisce alla loro diffusione, specialmente durante eventi catastrofici o critici che compromettono la solidità dell’impresa. A proposito di come pianificare il crisis management, in modo che l’azienda non subisca le conseguenze della crisi ma riesca a gestirla, Ferpi promuove il corso di formazione "Comunicazione in Emergenza", a cura di Letizia Di Tommaso, in programma il 5 aprile a Roma.

Gestire le crisi e le emergenze, identificare i protocolli d’azione e intercettare il livello di rischio percepito dall’ambiente esterno sono abilità che le imprese sempre più spesso si trovano a mettere in campo. Oltretutto, in un mondo dove la comunicazione tra organizzazioni e pubblico avviene real time, trovarsi impreparati può provocare danni reputazionali e di business irreversibili.

Il corso proposto da Ferpi dal titolo "Comunicazione in Emergenza", in programma il 5 aprile a Roma, si propone di fare chiarezza sulle dinamiche in atto nelle situazioni di pericolo, per fornire ai partecipanti conoscenze e competenze in grado di operare in maniera ragionata e coerente, in modo da limitare i danni e da fornire un supporto adeguato a tutti i soggetti coinvolti.

La giornata di Formazione, dalle 09.30 alle 17.30, sarà strutturata in 4 moduli d’approfondimento, guidati da docenti e manager di comunicazione, giornalisti e professionisti operativi nell’ambito della comunicazione dei corpi militari italiani.

Il primo modulo sarà coordinato dalla curatrice del Corso, Letizia di Tommaso, Responsabile Comunicazione e ufficio stampa del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta. Si inizierà con l’individuazione dei modelli di crisis room e dei protocolli di comunicazione, fondamentali per consentire ai decisori di analizzare il livello di rischio dell’emergenza, pensare a un piano strategico che tenga conto di tutti i soggetti i coinvolti e passare repentinamente alle azioni operative in grado di gestire le conseguenze presenti e future e di garantire una presenza attiva del brand. Interverranno al dibattito: Luca Cari, Responsabile Comunicazione in emergenza dei Vigili del Fuoco, Luigi Norsa di Luigi Norsa & Associati Srl e Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione MARICOGECAP (Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera).

Dopo l’analisi teorica, il secondo modulo – a cura di Massimo Alesii di Agt Communication – andrà a raccontare i più noti scenari emergenziali italiani e internazionali, per valutare le scelte e gli interventi più adeguati a circoscrivere l’emergenza e a evitare che l’evento catastrofico possa ripercuotersi sulla vita futura dell’azienda. Per i casi di grandi emergenze saranno presenti: Fabio Agostini, Capo Ufficio UPICOM (Uff. Pubblica Infor. Marina Militare); Pierfrancesco De Milito, Capo Ufficio Stampa Dip. di Protezione Civile e Toni Muzi Falconi, Senior Director di Methodos. Per le crisi aziendali interverranno Pier Donato Vercellone, Presidente Ferpi, con il racconto dell’esperienza della Costa Concordia e Rosalba Benedetto, Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne del Gruppo Ilva.

Il terzo modulo, a cura di Simonetta Pattuglia, Docente di Marketing e Comunicazione all’Università di Roma Tor Vergata, si focalizzerà sull’individuazione delle parole chiave utilizzati da chi opera nelle relazioni pubbliche. Soprattutto nei contesti di crisi ed emergenza, è fondamentale definire la posizione aziendale e, sul piano della comunicazione, tradurla in un linguaggio adeguato a seconda dei pubblici con cui l’impresa è tenuta a interloquire, dai media ai consumatori, dalle istituzioni agli stakeholder. Parteciperanno alla riflessione Biagio Oppi di Shire con la descrizione dei Protocolli della Global Alliance; Sergio Vazzoler di Amapola con un focus sulle crisi ambientali internazionali e Giulia Pigliucci, Comunicazione e ufficio stampa di FOCSIV con un approfondimento dal titolo “Quando l’emergenza è lontana, protocollo MAECI”.

Infine, il quarto modulo, guidato da Trisha Thomas, Giornalista di Associated Press, approfondirà il rapporto tra organizzazioni e media nelle situazioni di crisi, il quale deve essere di collaborazione efficace e trasparente. La cooperazione tra impresa e mezzi di informazione permette che il messaggio venga espresso e diffuso nel modo migliore possibile, in maniera integrata e utilizzando tutte le piattaforme a disposizione, in modo da fornire informazioni aggiornate e corrette sui provvedimenti intrapresi. Tra i giornalisti che prenderanno parte al confronto ci saranno Luca Calzolari de Il Giornale della Protezione Civile e Maurizio Galluzzo di Emergenza24.

Il corso è aperto a tutti, Soci e Non soci.

Dà diritto al riconoscimento di 100 crediti formativi ai Soci Ferpi ai fini della qualificazione necessaria all’aggiornamento professionale interno.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il corso si svolgerà solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

 




 

 

Sede del corso
Palazzo della Marina Militare
Piazza della Marina, 4
Roma

Informazioni
Tel. 02 58312455
Email: casp@ferpi.it

COMMENTI

Eventi