/media/post/vglbv8u/IMG_20160225_191049-796x512.jpg
Ferpi > News > Il territorio comunic@

Il territorio comunic@

07/04/2016

Fabiana Callai

La nascita delle città metropolitane sta dando forma ad una nuova geografia istituzionale. Diventa fondamentale in questa fase la comunic_Azione strategica  per lo sviluppo delle reti nei territori e per la creazione del con_Senso. Un’analisi di Fabiana Callai.

 

Le città e i territori interessati dalla Riforma si stanno trasformando rapidamente per cogliere le sfide insite in questo cambiamento. Cresce di conseguenza l’importanza di avere nei territori una Pubblica Amministrazione più efficiente che, riconosca l’importanza della comunicazione e del percepito strategico nel percorso di Riforma per garantire ai cittadini servizi di qualità . Solo attraverso l’ascolto  del territorio infatti,  si fa sintesi delle esigenze e delle istanze delle comunità locali, si individuano e mobilitano gli attori rappresentativi in grado di produrre decisioni, e si delineano le strategie per coinvolgerli nel processo decisionale. Tutto ciò richiede competenza  nella creazione di reti durevoli e dinamiche per mettere in relazione attori altrimenti distanti. Il rafforzamento della  comunic_Azione interna ed esterna sviluppa nei territori relazioni di qualità, orienta le percezioni e crea  con_Senso.

Nei territori risulta fondamentale, ottimizzare energie e risorse di tutti i soggetti in grado di contribuire al processo di sviluppo attraverso la costituzione di partenariati tra settore pubblico, settore privato e società civile e con l’elaborazione a livello locale delle strategie di sviluppo e l’allocazione delle risorse nei territori di riferimento.

La capacità di fare GOREL nei territori, ossia essere in grado di governare e gestire le relazioni, sviluppa reti in grado di raggiungere obiettivi definiti e concreti. Tutto ciò dipende molto dal fattore conoscenza comunicativa dei contenuti, degli equilibri che si muovono e dal sistema integrato di competenze che ruotano intorno ai processi in essere.

Le motivazioni insite alla base di qualunque cambiamento inteso anche come processo di riforma obbligatorio devono essere comunicate e, solo attraverso l’orientamento delle percezioni raggiungono con successo l’obiettivo prefissato. Per far cambiare il modo di guardare e interpretare la realtà bisogna in primo luogo capire come le persone la vedono e come la vivono, poi come ne parlano, che parole usano, sapendo che sono le parole a definire i fatti. Risulta fondamentale accompagnare i  territori al cambiamento con un processo comunicativo interno ed esterno. Comunicare efficacemente significa determinare scelte di comportamento, convincere le persone a vedere le cose in maniera diversa da come facevano prima, attraverso la capacità di costruire contenuti che motivino gli individui all’azione, creando consenso e relazioni di qualità.

Il Territorio comunic@ significa  cambiare la prospettiva nell’ascolto. Fare sintesi e interpretare le richieste e le esigenze che dal territori stessi provengono. Attraverso la comunicAzione spingere e motivare all’Azione, creare conSenso per dare Senso ad azioni di sviluppo e di costituzione di reti di qualità. Usare la creatività comunicativa per costruire relazioni laddove non esistono ancora.

 

 

 

COMMENTI

Eventi