Ferpi > News > Il Wall Street Journal sbarca on line in Europa e Asia

Il Wall Street Journal sbarca on line in Europa e Asia

18/02/2009

Grazie al supporto finanziario di HSBC la testata americana apre due nuovi siti continentali d’informazione più un’homepage regionale dedicata all’India. Redazioni più ampie a Londra, Hong Kong e New Delhi.

In tempi di crisi, specie per la stampa americana, la notizia assume maggiore risalto. Dal 9 febbraio, con il supporto finanziario di HSBC, il “Wall Street Journal” ha ampliato la sua edizione on line con due nuovi siti dedicati all’Europa e all’Asia, più un’homepage destinata a seguire il mercato indiano. E divenendo così, di fatto, una testata economico-finanziaria di rango internazionale. Considerata la US ediction e l’esistenza di una versione del sito principale in lingua portoghese, spagnola e cinese.


In realtà, il completamento del suo “Digital Network” è per WSJ.com solo l’ultimo atto di un restyling globale iniziato a settembre 2008 e non ancora concluso. Sul piano dei contenuti, l’obiettivo è quello di offrire news di carattere regionale a un pubblico internazionale. Mentre sul piano commerciale il giornale controllato da Rupert Murdoch vuole rivolgersi ai pubblicitari e agli inserzionisti locali offrendo una nuova e prestigiosa vetrina per i loro prodotti.


Al debutto in Asia ed Europa anche il WSJ.com Mobile Reader, l’applicazione gratuita che permette ai possessori di un telefonino BlackBerry di acquistare e visualizzare i contenuti del portale e di alcuni degli altri siti d’informazione ad esso collegati (come MarketWatch, Barron’s e AllThingsDigital). Un circuito questo dove risulta più ampia l’offerta di servizi per gli utenti asiatici. Tra cui la presentazione di contenuti in lingua per la Cina.


Nella nota che annuncia la nuova iniziativa editoriale il Wall Street Journal presenta anche i nomi dei neo-responsabili delle varie redazioni continentali. Uffici che, del tutto in controtendenza rispetto al mercato del lavoro giornalistico USA, stanno infoltendo le fila dei corrispondenti.


Rosario Vizzini – Redazione Cultur-e

COMMENTI

Eventi