Ferpi > News > La comunicazione di crisi ed i contenziosi legali: il ruolo delle Litigation PR

La comunicazione di crisi ed i contenziosi legali: il ruolo delle Litigation PR

24/10/2014

La difesa d'impresa, la gestione della crisi e la tutela della reputazione nelle inchieste giudiziarie saranno al centro del corso Ferpi condotto da _Giovanni Landolfi_ e _Giampietro Vecchiato,_ lunedì 24 novembre a Milano.

Le Relazioni Pubbliche sono un settore in continuo divenire, seguono i profondi mutamenti che stanno caratterizzando la nostra società e stanno progressivamente interessando sempre più aspetti e situazioni della vita di ciascuno di noi . Uno di questi è quello relativo alla comunicazione di crisi e ad uno specifico ramo, presente al proprio interno, specializzato nella comunicazione delle controversie legali: le Litigation Public Relations.
Un tipo di attività nata per la prima volta più di 30 anni fa negli Usa, che da qualche tempo ha cominciato a prendere piede anche qui in Italia, primi sporadici esempi si sono avuti agli inizi degli anni ’90 con l’inchiesta “Mani pulite” legata alla vicenda di Tangentopoli; più recentemente l’attenzione sull’argomento è aumentata a causa dei tanti processi di forte interesse mediatico, uno tra tutti il caso Amanda Knox e Raffaele Sollecito a Perugia.
Quello delle controversie è una tipologia peculiare di crisi, molto delicata e la gestione della comunicazione attorno ad essa richiede particolari abilità e competenze oltre a metodiche e tecniche ben precise. Elemento centrale è la tutela della reputazione. Infatti per i professionisti ed esperti di questo settore i compiti principali sono imparare a sapere come difendere la reputation dei propri clienti, siano essi organizzazioni/imprese oppure singoli cittadini, ma anche come contenere il pesante clima negativo che inevitabilmente si viene a creare attorno ad essi.
In occasione di questioni/dispute di carattere giudiziario i soggetti che, per varie ragioni ed a più livelli, vengono coinvolti, molto spesso corrono il serio rischio di compromettere pesantemente la propria immagine, la posizione e la considerazione che hanno presso l’opinione pubblica; per cui hanno bisogno di essere assistiti da relatori pubblici altamente specializzati e formati . Questi specialisti delle RP, difatti, hanno il non facile compito di cercare di comunicare e diffondere quanto più possibile, al pubblico ed ai diversi pubblici, il punto di vista del proprio cliente mediante un uso massiccio ed una presenza continuata sui media. Tutto questo è possibile attraverso una fitta rete di relazioni e contatti, per un verso con le istituzioni e gli avvocati, fonti delle informazioni ufficiali, le uniche attendibili e che possono essere diffuse, fatti salvi gli obblighi di riservatezza, fondamentali ai fini della strategia comunicativa; dall’altro quella con i media ed i giornalisti in special modo.
Infatti, solo se alla base c’è un rapporto consolidato nel tempo, di stima e reciproca fiducia con i principali esponenti della stampa e dell’informazione più in generale, sarà un po’ più facile far emergere in modo corretto il punto di vista del cliente.
Bisogna anche tener ben presente che il nostro sistema giudiziario funziona in modo nettamente opposto a quello statunitense, per cui riuscire ad intervenire nel pubblico dibattito cercando di “imporre” il proprio punto vista, diventa piuttosto complicato; è più probabile, invece, che si possa tentare di “controllare” ciò che viene detto dai media e smentire velocemente le notizie false che avrebbero sicuramente influenza negativa sulla reputazione del cliente.
Un tema questo della comunicazione nel corso di contenziosi di natura legale, sicuramente di vivo e particolare interesse, cui Ferpi ha pensato di dedicare una giornata di approfondimento il prossimo 24 Novembre a Milano – presso la sede Ferpi (via Lentasio, 7) – con il seminario Difesa d’impresa. Gestione della crisi e tutela della reputazione nelle inchieste giudiziarie. Il ruolo delle Litigation PR, a cura dei soci Giampietro Vecchiato, P.R. Consulting, e Giovanni Landolfi, StampaFinanziaria; insieme ad illustri ospiti e le importanti testimonianze di Gabriele Fagnani, Avvocato del Foro di Milano e di Stefano Elli, giornalista de Il Sole 24 Ore.
Gli obiettivi del seminario: 1) fornire gli elementi conoscitivi di base del tema sia ai comunicatori sia a chi svolge altre professioni direttamente o indirettamente legate al sistema della giustizia; 2) offrire competenze relative alla capacità di comprendere gli aspetti specifici della comunicazione nell’ambito giudiziario.
Destinatari: Magistrati, avvocati, consulenti, dirigenti d’azienda, responsabili della sicurezza, giornalisti e comunicatori che si confrontano inevitabilmente con questi temi, spesso senza una preparazione specifica sull’intersezione di competenze professionali distinte: mediatiche, criminologiche, giuridiche, relazionali.
Programma
1. Di cosa parliamo quando parliamo di litigation PR

A chi servono le litigation PR e perché
Cosa succede quando un’azienda finisce in un’inchiesta giudiziaria
Il contesto mediatico-giudiziario: consulenti, avvocati, conflitti, costi, rischi reputazionali


2. Litigation PR e comunicazione di crisi


Cos’è una crisi e come si affronta
I sistemi di prevenzione delle crisi
Il piano di crisi

3. Il versante legale

Terminologia, protagonisti, istituti tipici del sistema giudiziario italiano
La comunicazione vista dallo studio legale

4. Le differenze tra comunicazione di crisi e litigation PR

L’iter giudiziario e l’iter mediatico
I costi dei contenziosi legali e la valutazione del danno reputazionale
La gestione dei conflitti, dei canali e degli strumenti di comunicazione attraverso le Litigation PR

5. Litigation PR e i giornali

La cronaca giudiziaria
Le inchieste in ambito finanziario
La relazione tra i comunicatori e giornalisti durante le inchieste.

6. Case history

Un caso concreto di litigation PR in campo ambientale
A chi interessano le litigation PR: la mappa degli stakeholder
Gli strumenti delle RP per comunicare con i diversi pubblici.

Per informazioni ulteriori, costi e iscrizioni scrivere a casp@ferpi.it

COMMENTI

Eventi