Ferpi > News > La Delegazione Ferpi Sicilia inaugura il suo blog

La Delegazione Ferpi Sicilia inaugura il suo blog

20/06/2006

Una stanza virtuale dedicata al dialogo tra soci, professionisti non soci, studenti e semplici appassionati. Raggiungibile anche dal sito Ferpi.

Martedì 13 giugno, la delegazione Ferpi Sicilia ha inaugurato il suo blog.Grazie all'iniziativa dei nostri soci Turi Greco e Elisa Toscano di Catania, i soci siciliani (ma ovviamente, non solo...) avranno la possibilità di animare il dialogo sui temi legati alla professione e lo scambio a distanza.Questo è l'indirizzo del blog (http://ferpisicilia.blog.tiscali.it/) che sarà accessibile anche dal sito Ferpi, all'interno dell'area dedicata alle attività della Delegazione Ferpi Sicilia.Di seguito pubblichiamo un breve messaggio di presentazione di Turi Greco, seguito dalla sintesi del Seminario "Responsabilità Sociale" svoltosi lo scorso 17 giugno a Catania, pubblicato da Elisa Toscano e consultabile anche all'interno del blog.

Ecco la presentazione di Turi Greco...Questo blog è dedicato, quanto aperto, a professionisti FERPI, appassionati, studenti, apprendisti che utilizzano il dialogo, la scrittura, la poesia per studio, lavoro, crescita. Ognuno offre il proprio contributo che costantemente si aggiorna  di storia e del costume di chi ti sta accanto, di chi legge una cosa offrendoti un nuovo punto di vista, di chi ti guarda e condivide con te un sogno sia esso anche un antagonista. L'obiettivo è un esercizio personale, che può convergere su queste pagine in un continuo desiderio cosmopolita d'apertura al divenire, al fantastico tanto quanto al reale. Mi auguro di leggere e vivere tanti contributi.  

...e la sintesi di Elisa ToscanoSabato 17 Giugno 2006,alle ore 9,30, presso la Camera di Commercio di Catania, si è tenuto un interessante seminario sul tema "Responsabilità Sociale d'Impresa" organizzato da UnionCamere Sicilia e dalla CCIAA Etnea, nell'ambito del progetto SINTEDI (Sistema Integrato Territoriale Donne Imprenditrici).L'incontro formativo si è trasformato immediatamente in un'occasione di dialogo e di scambio tra imprese, università ed istituzioni.Dopo il saluto da parte delle autorità e dei responsabili della Camera di Commercio di Catania e l'introduzione della dott.ssa Mertoli, componente della giunta ed imprenditrice, la parola è passata al relatore il dott. Guenza, consulente per il Cise.La relazione si è sviluppata in ordine alle seguenti tematiche: definizione e nascita della RSI; politiche pubbliche; scenario nazionale; certificazioni, strumenti ed infine valutazione dell'adeguamento e costi per piani di RSI rivolti a pmi e microimprese. Proprio questo ultimo argomento ha stimolato il dibattito tra gli imprenditori siciliani che tramite variegati punti di vista hanno evidenziato quanto le caratteristiche del tessuto imprenditoriale siciliano possano, ad un primo giudizio, sembrare terreno poco fertile per l'adozione di politiche di RSI.Disinformazione sui costi, modalità e procedure d'adeguamento, incentivi da parte delle istituzioni, questi i punti caldi del dibattito relativo allo scenario catanese per un pieno sviluppo di politiche aziendali orientate alla responsabilità sociale d'impresa. Dalla mia personale analisi riguardo le sperequazioni culturali in ambito di RSI tra le città italiane, chiedo quale futuro si prospetta per la comunicazione ed per i professionisti della comunicazione in Sicilia? A questa mia domanda il dott. Guenza risponde, quanto già noto ai professionisti che si occupano di RSI, cioè che la comunicazione è parte integrante del processo di sviluppo per l'impresa e che rappresenta proprio la condicio sine qua non un'impresa possa dichiararsi responsabile.Benché di corporate social responsability se parli già da diversi anni, ritengo che questo importante progetto voluto e promosso da Unioncamere e Camera di Commercio di Catania, rappresenti per il territorio siciliano un concreto passo avanti per un percorso di crescita di innovazione e di sensibilizzazione per le imprese italiane e per il sud nello specifico, al fine di poter soddisfare proprio quei principi etici che divengono strategici in ambito di competitività e qualità sul mercato internazionale.

COMMENTI

Eventi