Ferpi > News > La dimensione relazionale delle imprese femminili

La dimensione relazionale delle imprese femminili

04/05/2011

Le donne mostrano due caratteristiche principali in ambito imprenditoriale: un approccio “a rete” ed una tendenza a integrare dimensione professionale e privata. Partendo dalle ricerche sul capitale relazionale, il libro le estende all’imprenditoria femminile e ne approfondisce il ruolo nella fase di start-up, cercando di identificare il contributo che le relazioni costruite apportano all’impresa e il loro impatto rispetto alle opportunità di successo.

Negli ultimi anni, le donne sono state protagoniste di un fenomeno economico e sociale che ha notevolmente cambiato il contesto lavorativo: l’assunzione in prima persona del ruolo di imprenditrici. Una tendenza, questa, che ha coinvolto sia i Paesi occidentali, sia quelli in via di sviluppo, acquisendo una rilevanza sempre maggiore.
L’esperienza dell’imprenditoria femminile, caratterizzata da un approccio “a rete” (networking approach), è contraddistinta dalla tendenza delle donne a integrare la dimensione lavorativo-professionale con quella privata e familiare e, da questo punto di vista, si riscontrano profonde differenze rispetto all’atteggiamento degli imprenditori, più orientati alla separazione tra le varie sfere della propria vita.
Il capitale relazionale, importante intangibile aziendale, si configura, nelle imprese femminili, come l’insieme di relazioni formali o informali, temporanee o permanenti, che fanno capo alla donna imprenditrice e che possono facilitarla nell’accesso a risorse fondamentali per l’andamento dell’azienda.
Paola Paoloni, estendendo all’esperienza dell’imprenditoria femminile le ricerche esistenti sul capitale relazionale, ne approfondisce il ruolo nella fase di start-up, cercando di identificare il contributo che le relazioni costruite apportano all’impresa e il loro impatto rispetto alle opportunità di successo.
Si ritiene, infatti, che le relazioni costruite dalla donna imprenditrice in questa fase rispondano a specifici bisogni, il cui soddisfacimento è indispensabile per il buon esito dell’iniziativa imprenditoriale.
L’indagine ha pertanto la finalità di consentire l’individuazione della natura dei bisogni prevalentemente manifestati dalle imprenditrici e di indagare sulle modalità con cui gli stessi vengono soddisfatti, anche allo scopo di scegliere eventuali alternative più efficaci.

La dimensione relazionale delle imprese femminili
P. Paoloni
Franco Angeli, 2011
pp. 304, € 33,00

COMMENTI

Eventi