Ferpi > News > Lettera aperta per il nuovo Presidente della FERPI

Lettera aperta per il nuovo Presidente della FERPI

15/03/2007

Nei prossimi mesi la nostra associazione è chiamata a rinnovare le proprie cariche sociali. Un appuntamento importante nella vita della Ferpi che non può e non deve trasformarsi in un "rito" formale privo di aspetti contenutistici.

Nei prossimi mesi la nostra associazione è chiamata a rinnovare le proprie cariche sociali. Un appuntamento importante nella vita della Ferpi che non può e non deve trasformarsi in un "rito" formale privo di aspetti contenutistici.Prendendo atto della decisione dell'attuale Presidente Andrea Prandi di non ricandidarsi per un secondo mandato, in linea con i suoi predecessori, è apparso necessario, al gruppo di soci firmatari del presente documento, individuare gli elementi distintivi della futura presidenza che permettano alla FERPI di continuare ad essere il punto di riferimento professionale e culturale dell'ampia comunità degli operatori del settore delle relazioni pubbliche.
Alcuni punti qualificanti su cui si è concentrata la nostra riflessione sono sostanzialmente i seguenti.
1) Un presidente che sia un "uomo di azienda": riteniamo che tale esperimento debba essere portato avanti almeno per un altro mandato. La nostra associazione infatti, per troppo tempo, è stata identificata con quella parte di noi che svolge la propria attività come consulente per organizzazioni complesse. Sicuramente un settore importante ma non esaustivo e, quindi, non completamente rappresentativo del mondo delle RP italiano. Troppo poco spazio è stato dati ai colleghi quadri e dirigenti d'impresa, a quelli che lavorano in ONG o all'interno del mondo accademico.
2) Un presidente che sappia gestire competenze diverse: la complessità delle problematiche che la nostra associazione deve affrontare quotidianamente non permettono più l'approccio alla "one man show" ma al contrario che sappia guidare e valorizzare le molteplici competenze del nuovo gruppo dirigente.
3) Un presidente che conosca la nostra associazione: i molteplici progetti e le tante iniziative avviate non si esauriscono e completeranno in un mandato. E' necessario pertanto che chi dovrà gestire la Ferpi per i prossimi due anni abbia già una conoscenza di quanto fatto nel recente passato.
4) Un presidente di "sintesi": cioè che sappia unificare le varie anime che vivono e si confrontano nella FERPI ma che al tempo stesso sia in grado di portare a compimento il processo di rinnovamento iniziato durante il mandato che si avvia alla conclusione.
Sulla base della riflessione avviata al nostro interno riteniamo che il miglior candidato possibile come Presidente FERPI per il prossimo biennio sia il socio Gianluca Comin.In Ferpi dal 2000, siede nell'attuale Consiglio Direttivo Nazionale, dal luglio 2002 è Direttore della Comunicazione di Enel.Gianluca ha già espresso una sua disponibilità di massima ponendo una sola riserva: che la sua sia effettivamente una candidatura "unitaria", il cui sostegno quindi sia espressione di un consenso più ampio rispetto a quello degli attuali Consiglieri. Una candidatura dunque che sin dall'inizio si possa qualificare come di "continuità" e "innovazione" al tempo stesso.
Per questo motivo gli estensori di questa lettera aperta chiedono a tutti coloro che ne condividono i contenuti di sottoscriverla come sostegno alla candidatura di Gianluca Comin a Presidente della Ferpi per il prossimo mandato.
Andrea PrandiFabio BistonciniFlorence CastiglioniDavide CefisSissi PelosoSara RanziniGiampietro Vecchiato

COMMENTI

Eventi