Ferpi > News > Lettera della presidente Ferpi a Milena Gabanelli

Lettera della presidente Ferpi a Milena Gabanelli

11/05/2004

Un'affermazione della trasmissione Report suscita un intenso dibattito. Prima interviene Alberto Bottalico, con una lettera alla Ferpi. Quindi la risposta di Sissi Peloso, presidente Ferpi. Riportiamo entrambe le lettere.

Ecco la lettera di Alberto Bottalico, che ha dato il via alla discussione:
Gentile Sig.ra Peloso, mi chiamo Alberto Bottalico, sono Senior Account presso Cohn & Wolfe, purtroppo non socio FERPI. La ragione per cui Le scrivo è l'indignazione e l'offesa che ho provato ieri sera - Giovedì 6 maggio - assistendo a Report su Rai 3.Premetto che ho profonda stima per Milena Gabanelli che considero giornalista talvolta faziosa ma di grande professionalità e comunque (quasi) sempre corretta.Nel programma [Report, ndr] di ieri sera, durante un servizio su un sito di scorie nucleari in Spagna, la giornalista riportava una notizia nella versione che era stata fornita dal Direttore Comunicazione del sito stesso. A questo punto la Gabbanelli chiosava con una propria personale intepretazione della missione istituzionale dei Direttori Comunicazione: coprire la verità.Come ho anticipato non sono un "Direttore della Comunicazione" - spero che prima o poi accada nella mia vita, comunque - ma ritengo l'affermazione fortemente lesiva della  nostra professionalità, rispettabilità e, mi conceda (preferisco non dire mi consenta), onorabilità.Il fatto che esistano colleghi che in passato o, anche, oggi vengano meno ai propri obblighi etici non deve in alcun modo dar adito a dubbi o ombre sulla correttezza di centinaia di professionisti onesti, validi e seri.Il nostro compito è difendere la reputazione dei clienti/brand/prodotti che seguiamo ma esclusivamente all'interno di limiti che sono dati non solo dall'integrità personale ma finalmente anche dai codici etici delle associazioni di categoria del settore quali FERPI e ASSOREL.Per queste ragioni ritengo che sia dovuta una replica all'accusa di Report e che debba essere a firma delle associazioni di categoria stesse.Sono sicuro che questa mia mail non sarà la sola ma il fatto è che siamo stufi di essere considerati alla stregua di organizzatori di pranzi e cene, intrallazzatori o perfidi discendenti di Lucifero che in antri segreti tramano ai danni della VERITA'.Cordialmente Alberto Bottalico
Ed ecco la risposta di Sissi Peloso, in forma di lettera alla giornalista Milena Gabanelli, conduttrice di Report:
Gentile D.ssa Milena Gabanelli,desidero innanzitutto esprimerle la mia personale stima e ammirazione, considerandola una delle migliori firme del giornalismo italiano.In qualità di presidente della FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, sento il dovere di intervenire a proposito della sua affermazione "dal responsabile della comunicazione; cioè colui che di solito nasconde tutto ciò che non va"  fatta in occasione del servizio sui rifiuti radioattivi e in particolare alla visita all'impianto in Andalusia trasmesso nella puntata di Report del 6 maggio scorso. Ben lungi dal poter essere definita "falsa", questa affermazione non rispecchia sicuramente l'intera realtà dei direttori di comunicazione e, più in generale, dei relatori pubblici.Non vi è dubbio che casi di "mala comunicazione" siano esistiti e continuino ad esistere, imputabili tanto a scarsa preparazione professionale quanto al mancato rispetto di basilari norme etiche. Comportamenti che certo non aiutano ne l'identità delle organizzazioni committenti, ne quella di una professione la cui legittimazione sociale sta nel favorire una relazione simmetrica e interattiva fra l'organizzazione e i suoi pubblici influenti. A fronte di ciò Ferpi – che raccoglie più di 1000 colleghi che operano all'interno e all'esterno di aziende, amministrazioni pubbliche e organizzazioni no profit – è da oltre 30 anni impegnata nel definire, condividere e divulgare chiare regole circa i requisiti professionali e i comportamenti deontologici necessari a qualificare il relatore pubblico.Sarei molto lieta, nel caso ritenesse opportuno e di suo interesse approfondire l'argomento,  mettermi a sua disposizione e fornirle informazioni, materiali, interviste, testimonianze utili alla realizzazione di un servizio sul mondo delle relazioni pubbliche.Augurandole buon lavoro e ringraziandola per il prezioso contributo all'informazione, la saluto cordialmente,Sissi Pelosopresidente FERPICell. 347 21657060E-mail: sissipeloso@yahoo.it
Nota: nel giugno dello scorso anno FERPI ha dato vita al World Pr Festival, il più grande confronto mai realizzato a livello internazionale sull'etica della professione (oltre 40 i paesi partecipanti), a seguito del quale FERPI, prima tra le associazioni mondiali, ha sottoscritto il protocollo globale etico delle relazioni pubbliche, varato da Global Alliance for Public Relations and Communication Management, affiancandolo al proprio codice deontologico datato 1970.Non ultimo, lo scorso 10 maggio, ad un incontro pubblico con Ordine dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa e rappresentanti della comunità finanziaria, abbiamo presentato un documento (sottoscritto con Assorel – Associazione delle agenzie di Rp) di aggiornamento, declinazione e approfondimento delle regole per la comunicazione finanziaria, frutto di un lungo confronto interno a seguito dei noti scandali italiani ed internazionali.Non va dimenticato, infine, che sono oggi circa 70.000 i ragazzi che si stanno preparando alla professione e che è doveroso sensibilizzare anche mostrando loro ambedue le facce della medaglia. Ferpi ha attivato un progetto specifico in tal senso e sicuramente il sostegno degli organi di informazione molto può influire. P.S. tutti i codici citati, lo statuto Ferpi e il documento sulla comunicazione finanziaria sono scaricabili dal sito www.ferpi.it.

COMMENTI

Eventi