Ferpi > News > L'industria alimentare si prepara ad affrontare la crisi, affidando alle Rp una scelta etica

L'industria alimentare si prepara ad affrontare la crisi, affidando alle Rp una scelta etica

13/07/2004
In attesa del report dell'Ofcom - l'organismo che regola la comunicazione industriale nel Regno Unito - le aziende alimentari si stanno preparando a fronteggiare un radicale cambiamento di strategia comunicativa. Sia che venga bandita la pubblicità per i bambini (ipotesi poco probabile) sia che vengano riscritte le regole della stessa si preannuncia un periodo di crisi per l'industria. I professionisti della comunicazione cercano le soluzioni più adeguate.Anche perchè l'ipotesi più probabile è che l'Ofcom inviti l'industria alimentare a dotarsi di un sistema che auto-regoli la comunicazione.
Chi non ha aspettato Ofcom e ha deciso di anticipare i tempi è stata la multinazionale Unilever che, affidandosi ai servizi di Weber Shandwick, ha iniziato una serie di incontri cui hanno partecipato anche associazioni non governative, per spiegare la propria politica sui gelati Wall's: dall'etichettatura che riporterà più informazioni, all'educazione sul consumo che insegnerà come inserire il gelato confezionato in una dieta equilibrata.Sembra questa la strada da seguire per rendere di nuovo credibile l'immagine di un settore industriale che per troppo tempo si è disinteressato degli effetti collaterali di un eccessivo consumo dei propri prodotti. Ma per realizzare tale impresa ci vorrà del tempo. Claire Cater, a capo del Association of Public-Safety Communications Officials, si augura che le aziende alimentari non manchino di pazienza, "sono abituati ad avere risposte rapide attraverso l'advertising ma è necessario più tempo per rimodellare l'opinione pubblica".
Gabriele De Palma - Totem

COMMENTI

Eventi