Ferpi > News > L'irresistibile ascesa del passaparola

L'irresistibile ascesa del passaparola

22/11/2007

Lo chiamano il marketing del passaparola e sta crescendo in maniera significativa, arrivando a toccare un indotto economico di 1 miliardo di dollari. Ecco come l'advertising si adegua a questa nuova formula.

Buzz marketing o viral marketing che dir si voglia, il concetto è lo stesso: si tratta di una forma di pubblicità che recupera il concetto antico del trasmettere informazioni di bocca in bocca. E' l'ultima tendenza del marketing che secondo gli esperti continuerà a crescere e si basa sulla forza degli opinion leader.
Il bilancio economico proviene da una ricerca indipendente che sarà presentata in occasione della Word Of Mouth Marketing Association di Las Vegas e parla di una cifra di 1 miliardo di dollari spesa in questo settore. Nel dettaglio l'analisi dice che nel 2001 sono stati investiti 76 milioni di dollari nel cosiddetto WOM (Word Of Mouth Marketing) e 981 milioni di dollari nel 2006. I numeri sono destinati a lievitare entro il 2011, data in cui sfioreranno i 3,7 miliardi di dollari. Il marketing virale è incoraggiato e reso possibile chiaramente dalla tecnologia, che regala ai consumatori la possibilità di confrontarsi sui prodotti.
Questa nuova versione del marketing, nato su una prassi antichissima, decolla all'inizio degli anni '90, ma fu teorizzata per la prima volta da Paul Lazarsfeld negli anni '50, in occasione delle elezioni americane. Oggi l'industria del word-of-mouth marketing è un segmento cruciale della pubblicità e non solo quantitativamente. Un altro recente studio firmato Nielsen Global Survey suggerisce infatti che il passaparola oltre a coinvolgere un numero crescente di consumatori risulta essere anche più efficace di altre forme di advertising. In particolare, secondo Nielsen, su 26 mila persone coinvolte nel passaparola, oltre il 78 per cento ascolta le raccomandazioni degli altri consumatori con fiducia e addirittura il 15 per cento considera le opinioni degli altri acquirenti come la fonte più attendibile, prima dei giornali.
Redazione Totem - Emanuela Di Pasqua

COMMENTI

Eventi