Ferpi > News > May I have your attention, please? Le parole da abbandonare!

May I have your attention, please? Le parole da abbandonare!

22/12/2008

Toni Muzi Falconi ha elaborato un lessico dei termini inglesi del nostro gergo professionale da abbandonare o da usare con molta cautela…

Come ben sanno quei pochissimi colleghi (sigh…) che hanno acquistato il cofanetto ‘In che senso: cosa sono le relazioni pubbliche?’, in quella cassetta degli attrezzi c’è anche un ‘uovo di natale’ a sorpresa: il lessico professionale inglese-italiano aggiornato che i lettori di questo sito ben conoscono perché molti di loro hanno partecipato alla sua prima e seconda edizione qualche anno fa.


Ora però provo a indicare dei termini inglesi, alcuni entrati da decenni nel nostro gergo, altri più recenti, che converrebbe abbandonare o usare con molta cautela, perché non più coerenti con la nuova cornice professionale che andiamo profilando e che si va progressivamente affermando in ogni parte del mondo:


Attack
la logica guerresca del marketing non si addice al dialogo, alla conversazione, al confronto, alla pacatezza degli argomenti che i nostri pubblici oggi prediligono rispetto all’urlo, lo spazio e il tono di voce, ai messaggi persuasivi e così via;


Campaign
parliamo più coerentemente di programma, di iniziativa, di percorso;


Communicating to/at
comunicare implica mettere insieme non urlare, quindi communicating with non at o to;


Engagement/involvement
involvement è un ascolto coinvolto mentre engagement è una fidanzamento negoziato, sono due cose ben diverse.


La seconda si applica agli stakeholder veri, quelli che decidono di essere tali indipendentemente dalla nostra scelta.
La prima invece si applica a quelli che decidiamo noi in funzione degli interessi specifici che intendiamo perseguire;.


Guerrilla
vedi attack…


Message/messaging
i contenuti che elaboriamo non sono quasi mai riducibili, e comunque non devono essere ridotti, a messaggi.


Se vogliamo facilitare il dialogo e la conversazione dobbiamo elaborare contenuti su questioni quasi sempre complesse, non complicate…. e le cose complesse (a differenza di quella complicate) non si semplificano, si spiegano;


Persuasion


È molto meglio con-vincing nel senso latino di vincere cum;


Stakeholder/s
ricordarsi sempre che in Italiano il plurale inglese perde la s…finale, quindi sono gli stakeholder, non gli stakeholders;


Target
non spariamo a nessuno, parliamo di pubblico specifico o di pubblico influente o di stakeholder


Ve ne vengono in mente altri?


Segnalateli alla redazione (ferpi@ferpi.it) o rispondete inserendo un commento qui di seguito.

COMMENTI

Eventi