Ferpi > News > Media alternativi: un settore in crescita

Media alternativi: un settore in crescita

19/09/2013

Sono sempre più le aziende italiane a credere nei media non tradizionali. È quanto risulta dall’indagine condotta dall’osservatorio sui media pubblicitari non tradizionali, promosso da AMMandmore.com, da cui emerge che oltre il 55% delle aziende coinvolte investe già in questo settore e continuerà a farlo anche nel 2014.

Pubblicità e media alternativi risultano essere sempre più interessanti per le aziende: il 94% delle imprese italiane è soddisfatto dei media non tradizionali.
È quanto risulta dall’indagine condotta dall’osservatorio sui media pubblicitari non tradizionali promosso da AMMandmore.com, in collaborazione con ADICO, DistribuzioneModerna.info, IL Club del Marketing e della Comunicazione, IlFac.it, Promotion Magazine e SpotandWeb.it, emergono dei risultati interessanti.
Il 56.4% delle imprese partecipanti investe già in questo settore e di queste ben il 94% è soddisfatto dei risultati ottenuti. Interessante anche il dato delle Aziende che ancora non conosce questo segmento che si dichiara intenzionato a conoscerlo nell’81% dei casi. Il trend di investimento sui media alternativi è in ascesa: più del 20% delle aziende intervistate investe quasi l’11% del budget disponibile.
Scarsa ancora la conoscenza dell’InHome-Advertising, disciplina ormai affermata oltre oceano e che vede in Italia editori già importanti come T2Box, Advertpizza, Publigruccia e Frigo Magazine.
Per il 2014 il desiderio di investire sui media alternativi cresce, anche se sono ancora molte le imprese che non conoscono il mercato dei media alternativi (il 55,7% non conosce i portali dedicati ai media alternativi).
Dall’indagine emerge un forte interesse per queste opportunità che, aziendalmente, possono essere collocate sotto l’egida dei “media tattici” ovvero “media su cui pianificare per ottenere risultati misurabili nel breve periodo”.
L’indagine effettuata in Italia ha coinvolto 1320 manager di aziende, tra cui Ferrero, Carrefour, Ferrarelle, Parmalat, Disney, Intesa San Paolo e molte altre. L’indagine ha prodotto risultati interessanti: infatti il 94% delle aziende italiane è soddisfatto dei media non tradizionali. Anche in previsione del 2014 la ricerca ha rilevato che quasi il 47% delle aziende è interessato a investire in questo mercato.
Clicca qui per scaricare la presentazione completa dell’indagine svolta dall’osservatorio.

COMMENTI

Eventi