Ferpi > News > Microfoni spenti: resoconto dell'incontro sul tema "Comunicare la Cultura"

Microfoni spenti: resoconto dell'incontro sul tema "Comunicare la Cultura"

18/05/2004
In occasione dell'assemblea nazionale dei soci Ferpi, giovedì 13 maggio si è tenuto l'incontro speciale di "microfoni spenti" sul tema "Comunicare la Cultura.L'evento -organizzato dal coordinamento regionale del Lazio con la collaborazione delle società Itinera srl, Itinera comunicazione, Sectio  e Arci – è stato modificato  nella formula rispetto ai precedenti incontri.Una  novità ha  riguardato la location: per l'occasione la Fondazione Olivetti ha messo a disposizione la propria prestigiosa sede situata nel centro storico di Roma a qualche centinaio di metri da Piazza Navona. Altra innovazione è stato il maggior numero di interventi: i relatori  hanno sviscerato i temi inerenti alla comunicazione della cultura analizzandoli in funzione delle rispettive competenze in questo settore. Il risultato è stato, oltre alle presenze record (ci sono stati  quasi 100 accreditamenti), una serata  interessante dove ognuno dei presenti ha potuto farsi una idea dei problemi e delle soluzione adottate nell'affrontare il tema. L' incontro, coordinato da Celeste Bertolini, è stata aperto dall'intervento del Presidente Ferpi Sissy Peloso. Si sono poi susseguiti i contributi di: Mariella Gramaglia (Ass. Comune di Roma), Vincenzo Vita (Ass. Provincia di Roma), Roberto Grossi (Dir. Generale  Federculture), Stefano Ciccone (Resp. Parco scientifico e tecnologico Univ. Tor Vergata), Carla Recchi (Resp. Comunicazione Tav) e Laura Olivetti (Presidente Fondazione Olivetti). Ha chiuso la serata il breve saluto finale della coordinatrice del Lazio Caterina Isabella.Alla fine degli interventi tutti i convenuti si sono trasferiti nella splendida terrazza dove - gustando i prodotti del rinfresco offerto dalle Società ed associazioni che hanno sponsorizzato la serata - tra una chiacchiera e l'altra si è potuto ammirare il panorama  di Roma alla luce di un tiepido tramonto primaverile.Stefano Imbruglia

COMMENTI

Eventi