/media/post/9q7arla/misure-796x512.jpg
Ferpi > News > Misurazione: cosa accadrà e cosa non accadrà nel 2018

Misurazione: cosa accadrà e cosa non accadrà nel 2018

26/01/2018

Inizio anno è sempre un momento di previsioni. Katie Paine, la più nota esperta di misurazione e valutazione delle Relazioni pubbliche negli USA, ha stilato un elenco di quello che accadrà e non accadrà sul tema.

 

Buon Anno e benvenuti al primo numero del 2018 di The Measurement Advisor. In un attimo arriveremo alle mie previsioni, sempre uno degli articoli più letti, e grande tema di questo numero. Ma prima…

Cosa non succederà

Adottiamo una prospettiva negativa e guardiamo alcune ad cose che sarebbero sicuramente belle, ma che certamente non accadranno anche questa volta:

  • La quantità di caos e le notizie dell’ultim’ora non diminuiranno. Tra le Olimpiadi, la Coppa del Mondo, le elezioni negli Stati Uniti, la Brexit e il cambiamento climatico, ci saranno sviluppi che richiederanno molta attenzione. Ci abitueremo.

  • Blockchain e AI non saranno in grado di prevedere il futuro o risolvere tutti i nostri problemi, non importa quanto cercheremo di spremerci le meningi.

  • I social e digital media non se ne andranno, per quanto vorremmo.

  • L'hacking russo non si fermerà. Vediamo i robot e le forze maligne esacerbare ogni crisi o controversia che si pone. Non accadrà solo in prossimità delle elezioni. E non pensiamo che siano solo i russi. Sono in molti ad utilizzare le stesse tattiche. Il loro obiettivo è provocare divisioni ovunque.

  • Non elimineremo gli AVE. Probabilmente nemmeno ebola o la poliomelite. (Ma vedi sotto per alcuni segnali promettenti.)


E ora le buone notizie

Ci sono molte cose promettenti che accadranno, specialmente nella misurazione. Tra cui:

  • Una maggiore attenzione (e formazione) alle metriche di business;

  • Una integrazione tra paid e earned media in unici dashboard di misurazione;

  • Una maggiore enfasi sulla qualità dell'analisi - non solo metriche senza senso che nessuno capisce.


Tutti questi sono segnali incoraggianti (nonostante quanto detto sopra) che mostrano come il 2018 potrebbe essere l'anno in cui volteremo le spalle agli AVE e ad altri parametri fasulli. A guidare questo cambiamento saranno le associazioni e le agenzie coinvolte nella battaglia per educare la professione su come utilizzare i Principi di Barcellona e affrontare la misurazione dal punto di vista del business. È bello avere sempre più alleati nella nostra lotta senza fine contro le metriche sbagliate.

[…] Felice anno nuovo!

 

Fonte: Painepublishing

COMMENTI

Eventi