Ferpi > News > Rp: i giorni del dilettantismo sono finiti

Rp: i giorni del dilettantismo sono finiti

07/11/2013

In un mondo complesso in cui quotidianamente si affrontano problemi complessi, esperienza ed intuizione non bastano più. I professionisti delle Rp devono poter fare affidamento anche su un corpo di conoscenze, reso ancor più solido dalla continua collaborazione con gli accademici. La riflessione del presidente di _Global Alliance, Anne Gregory._

di Anne Gregory
Certamente, sono aspetti importanti ma devono essere completati dal sempre più ricco corpo di conoscenze ora a disposizione dei professionisti attraverso le loro associazioni e attraverso i numerosi articoli, giornali, riviste e libri che sostengono il nostro mestiere, molti dei quali gratuiti. Semplicemente non si può più essere dilettanti in un mondo complesso come il nostro e in cui i problemi di cui ci occupiamo sono altrettanto complessi.
Una famosa docente di Rp, l’olandese Betteke van Ruler, una volta disse che “i professionisti vengono da Marte e gli accademici da Venere”. Mentre, fino ad un paio di anni fa, avrei concordato con lei, ora non ne sono più così sicura.
Mi pare che l’anti-intellettualismo che ha caratterizzato la pratica delle Rp in molte parti del mondo e rappresentato dalla resistenza di alcuni datori di lavoro ad assumere laureati in Relazioni pubbliche, sia stato superato. Anche il mondo accademico è stato sostenuto dalla pratica professionale nella risoluzione di alcune delle difficoltà che quotidianamente deve affrontare, come ad esempio a sviluppare metriche rigorose per dimostrare il contributo delle Rp . Non ho alcun problema con le ricerche di tipo blue-sky in cui è possibile dimostrare l’abilità intellettuale di coloro che studiano la nostra disciplina. È un bene che ci siano persone con queste capacità che si preoccupano abbastanza di Rp da trascorrere il loro tempo a pensarci.
Tuttavia , trovo particolarmente incoraggiante vedere applicati i frutti della ricerca che possono essere utilizzati praticamente dalla professione. Quando accademici e professionisti lavorano insieme si possono ottenere eccellenti risultati. Sto pensando al lavoro di Global Alliance, membro di IPR – Institute for Public Relations e di organizzazioni come la Arthur W. Page Society che produce rapporti e documenti basati su rigorose ricerche che mostrano l’ottimo stato di salute della leadership di pensiero. Penso anche all’attenta ricerca fatta dagli accademici per le associazioni che fanno parte di Global Alliance, come il lavoro svolto per DGRP in Germania chiamato Controlling Communication o i GA Country Landscapes, spesso scritti a quattro mani da accademici e professionisti.
Mi colpisce anche che alcuni dei nostri potenti “rivali” professionali, i Management Consultant, non abbiano timore di mostrare la propria “scienza”. Hanno propri modelli concettuali, un proprio corpo di conoscenze e di processi che sottendono alle loro proposte e modi di lavorare e ne sono orgogliosi. Sempre più spesso, non è sufficiente consigliare i nostri clienti e datori di lavoro, soltanto sulla base di esperienza e intuizione. Certamente, sono aspetti importanti ma devono essere completati dal sempre più ricco corpo di conoscenze ora a disposizione dei professionisti attraverso le loro associazioni e attraverso i numerosi articoli, giornali, riviste e libri che sostengono il nostro mestiere, molti dei quali gratuiti. Semplicemente non si può più essere dilettanti in un mondo complesso come il nostro e in cui i problemi di cui ci occupiamo sono altrettanto complessi.
L’anno scorso abbiamo tenuto il nostro primo Research Colloquium, il giorno precedente l’apertura del WPRF a Melbourne . Non sapevamo se sarebbe stato un successo o meno ma siamo rimasti molto soddisfatti dalla risposta. Circa 120 persone, professionisti e accademici, hanno trascorso la domenica a discutere di comunicazione senza frontiere . È stata una vera e propria festa, ricca di discorsi e documenti sulle Relazioni pubbliche nel mondo, la diversità nella professione, la CSR , l’intelligenza emotiva e molto, molto altro. Per il prossimo World Public Relations Forum a Madrid, nel 2014, abbiamo in programma un altro Research Colloquium. Lo scopo è quello di costruire un collegamento ancora più solido tra pratica professionale e mondo accademico – abbiamo così tanto da imparare gli uni dagli altri . Quindi mi sento di incoraggiare tutti, accademici e professionisti, a pensare a come potrebbero contribuire a questa parte del Forum , non soltanto con articoli e presentazioni , ma prendendo parte alle discussioni ed ai dibattiti che sono stati una caratteristica dell’evento dello scorso anno.
Non esistono Marte o Venere in un mondo che ha bisogno di una pratica professionale consapevole, riflessivo e preparata, in grado di portare un reale valore aggiunto nelle organizzazioni , e, secondo le parole di un altro famoso accademico, Robert L. Heath, che contribuisce a costruire “una società pienamente funzionante” .
Fonte: Global Alliance

COMMENTI

Eventi