/media/post/u7z58ee/aa.jpeg
Ferpi > News > Albarelli: la pandemia ha unito il settore della meeting industry

Albarelli: la pandemia ha unito il settore della meeting industry

01/07/2020

Rossella Sobrero

Un settore fondamentale per la crescita economica, sociale e culturale del Paese eppure largamente ignorato dal DPCM dell'11 giugno. Quello degli eventi è un comparto che produce 65,5 miliardi di euro di fatturato, incide per 36,2 miliardi sul PIL e dà lavoro a circa 570 mila persone eppure rimarrà fermo fino al 14 luglio. Rossella Sobrero ne ha parlato con Alessandra Albarelli, Presidente Federcongressi&Eventi.

La situazione del mondo dei congressi ed eventi continua ad essere molto difficile e il Decreto del Presidente del Consiglio dell’11 giugno ha di fatto escluso il settore dalla fase 3 bloccandolo sino al 14 luglio. Delusa dalle decisioni del Governo?

Mi dispiace non sia stato considerato con sufficiente attenzione quanto il nostro settore sia fondamentale per la crescita economica, sociale, culturale del Paese. Il nostro comparto produce 65,5 miliardi di euro di fatturato, incide per 36,2 miliardi sul PIL nazionale e dà lavoro a circa 570 mila persone. Il Decreto del Presidente del Consiglio sospende fiere e congressi sino al 14 luglio ma la situazione è differente da regione a regione: in base all'andamento della situazione epidemiologica 16 regioni hanno stabilito una diversa data di ripresa delle attività. Così in queste regioni, anche grazie al lavoro svolto dai nostri delegati regionali, si è deciso di sbloccare eventi e congressi mentre in altre la situazione è ancora totalmente bloccata.

Quanto tempo ci vorrà per una ripartenza effettiva del settore?

Per organizzare attività come le nostre sono necessari tempi lunghi. Quindi prevedo che per avere una ripartenza significativa dovremo aspettare il 2021. Per esempio, in questo momento sono bloccati tutti i congressi ECM che rappresentano l’unico ambito di attività di molti nostri associati e sono fondamentali per l’aggiornamento del personale sanitario.

In questa situazione difficile c’è stato qualche segnale positivo?

Direi che questo periodo ha per la prima volta unito il settore della meeting industry. Sotto il cappello di #ItaliaLive tutte le associazioni del comparto si sono unite per fare fronte comune, trovare insieme soluzioni per affrontare la crisi e promuovere le proprie istanze presso le istituzioni. Una collaborazione mai raggiunta prima che mi auguro possa continuare anche a crisi terminata. È stata l’occasione anche per far emergere e valorizzare tutte le anime del settore: non solo quindi il mondo dei congressi ma anche le diverse professioni che stanno “dietro le quinte” come, per esempio, allestitori, interpreti e fornitori vari.

La prossima domanda riguarda la tua attività di direttrice generale di Riva del Garda Fierecongressi: dal 2013 avete ottenuto la ISO 20121 e siete stati la prima società del settore fieristico congressuale certificata in Italia. Quale futuro vedi per la sostenibilità degli eventi?

Da sempre Riva del Garda Fierecongressi è attenta alla sostenibilità e qualificale proprie prestazioni e servizi ponendo grande attenzione allo sviluppo sostenibile. In questo ultimo periodo, per esempio, abbiamo studiato soluzioni nuove per il benessere dei nostri ospiti. Tra le altre un sistema di sanificazione fotocatalitica h 24 per diminuire il rischio della diffusione di virus e batteri, un trattamento che grazie alla luce naturale debella tutte le impurità dell’aria. Spero che anche in Italia cresca l’attenzione alla sostenibilità anche nel nostro settore.

Una parola per il futuro che vuoi condividere con i soci FERPI e i lettori della nostra newsletter?

Difficile individuare una sola parola ma credo possa essere riconoscimento. Per affrontare le nuove sfide è indispensabile che il Sistema Paese riconosca alla comunicazione below e above the line il suo ruolo di attore capace di sostenere e promuovere il sistema produttivo ed economico. La nostra professionalità e il nostro valore devono essere non solo riconosciuti ma anche sostenuti e incentivati e dobbiamo impegnarci come mai prima d’ora per ottenere questo goal.

 

 

COMMENTI

Eventi