Ferpi > News > Cile: un punto di vista internazionale sulla gestione della crisi

Cile: un punto di vista internazionale sulla gestione della crisi

21/10/2010

La sciagura mineraria cilena ha avuto pochi giorni fa il suo lieto fine: tutti e 33 gli operai coinvolti nell’incidente sono stati tratti in salvo. Avrebbe potuto essere un disastro e invece si è trasformato in un successo per il Cile ed il suo governo. Ma le relazioni pubbliche quale ruolo hanno avuto?

di Heather Yaxley
A giudicare dalle apparenze, la gestione delle relazioni con i media internazionali che hanno seguito il disastro minerario cileno è stato un trionfo. È parso che si sia riusciti a trovare un perfetto equilibrio tra controllo e leggerezza.
L’approccio di comunicazione aperta che è stata evidenziata sin dalle prime notizie del crollo della miniera riflette lo stile di leadership del presidente cileno Sebastián Piñera. Recentemente eletto, coinvolgente e in grado di sostenere interviste in inglese, era la l’uomo ideale per la comunicazione globale, soprattutto mentre centinaia di media arrivavano nel paese da tutto il mondo, superando numericamente familiari e soccorritori riuniti in quello che giustamente è stato rinominato Camp Hope.
Piñera, non solo ha avuto educazione, istruzione e carriera internazionali – ma è stato anche a sua volta proprietario di media. La sua esperienza con Chilevisión è evidente nella sua padronanza dei mezzi di comunicazione. L’uomo d’affari miliardario ben finanziata, con successo La sua campagna presidenziale di successo ben finanziata dall’essere miliardario ha richiesto notevoli competenze di marketing ed Rp.
Il fatto che il governo Piñera abbia preso il controllo – dal momento che i proprietari della miniera non erano in grado di reagire al punto che successivamente hanno presentato istanza di fallimento – ha reso le cose più facili. Lo stato ha assunto il ruolo di eroe – ma lo ha fatto con competenza (in contrasto con la percezione dell’India prima dell’apertura dei Giochi del Commonwealth). Richiedendo l’assistenza di esperti provenienti da molti paesi si è esteso il supporto per i soccorsi dal Canada all’Austria, arrivando in questo modo a migliorare la copertura mediatica.
Una volta che i minatori intrappolati sono stati trovati ed è stato stabilito un canale di comunicazione, la squadra in superficie ha fatto in modo di garantire che suoni e immagini venissero fornite ai media – e questo è dove il controllo è stato più evidente. Ma a differenza del caso di BP, le immagini avevano un elemento di vitalità umana, arricchite dal back-ground di storie dei sopravvissuti che venivano ulteriormente completate da un accesso aperto alle famiglie che a loro volta, sembrava accogliere l’attenzione dei media.
Infatti, i media sembrano aver reagito bene alla leggerezza dello stile, con poche tracce di interventi di professionisti di relazioni pubbliche che potessero imporre una particolare linea di comportamento o di barriere tra giornalisti, politici, familiari o soccorritori.
Si può solo immaginare quanto sarebbe stata diversa la gestione della crisi in paesi in cui le Rp hanno una rilevanza maggiore. Nel Regno Unito, ci si sarebbe aspettati che i membri della famiglia vendessero le loro storie al migliore offerente (il che può comunque ancora accadere). Forse negli Stati Uniti, gli avvocati sarebbero stati la forza dominante – cercando di tutelare il proprietario della miniera o, a tempo debito, il governo.
Tuttavia, dobbiamo ricordare che in termini di gestione della crisi, il recupero dei 33 minatori intrappolati non è stato né l’inizio né la fine della storia.
La questione della sicurezza in miniera non è stato uno dei temi prioritari nell’agenda dei media (o del governo) – anzi è evidente una mancanza di impegno su questa questione in Cile (e nel resto del settore minerario). Il disastro doveva succedere – e il fatto che sia accaduto in una miniera di proprietà privata, è stato una fortuna.
E’ probabile che se un player internazionale di grande rilievo si fosse celato dietro la scarsa manutenzione della miniera, i media avrebbero trovato il loro capro espiatorio – che è una delle possibili posizioni per la gestione delle crisi, come abbiamo visto nel caso di BP. Questa situazione è stata invece interamente a livello nazionale, in termini di soggetti coinvolti – non c’era nessun estraneo da punire – e per quasi la totalità dei mezzi di comunicazione, questo era il disastro di un altro. Affascinante come un qualsiasi film, ma non interessante per il pubblico a casa in modo personale.
Questa situazione potrebbe rivelarsi un’opportunità per i professionisti di Rp impegnati in organizzazioni di attivisti che potrebbero utilizzare il disastro come leva su quelli che sostengono l’impegno a parlare la responsabilità aziendale. Il governo cileno dovrà anche criticare il suo predecessore e che dimostrare che verranno imposte norme più severe. L’impatto di tale cambiamento sulla popolazione e l’economia dovrà essere considerato – è più difficile parlare quando si è di fronte alla vera sfida di realizzare un cambiamento lontano da una situazione di crisi.
I media globali hanno ora il problema della sicurezza in miniera nel mirino (almeno per il momento) e si è già assistito ad un aumento di storie critiche – dove la gestione della crisi in corso è di vitale importanza.
Il Cile cavalcherà l’onda dell’esito positivo per un po ’- una visita di Piñera in Europa al momento giusto è una magnifica opportunità. Ma il quesito più spinoso che richiede una gestione più efficace è se il Cile sarà in grado di far dimenticare la sua precedente reputazione e massimizzare il potenziale creato dal disastro per creare un’immagine migliore del paese.
E ’utile per decostruire la crisi e non solo tirar fuori qualche “prova” della gestione delle Rp di successo. Sì, la risposta di comunicazione è stata veloce – ma le circostanze sono molto diverse da molte altre crisi aziendali precedenti.
E comunque – anche se ci saranno molti ad affermare il contrario – uno dei fattori chiave, qui, sembra essere stata una mancanza di professionalità delle Rp a gestire la crisi. L’attenzione era tutta rivolta ai soccorsi e al difficile lavoro dei tecnici, senza dubbio il ruolo dei comunicatori era molto più semplice.
Quello che forse è alla base di tutto è che si è trattato di un disastro tecnico o manageriale ma non di comunicazione – in nessun momento vi è stata alcuna possibilità di etichettare la situazione come un disastro di relazioni pubbliche. Il fatto è che la gestione della crisi non ha riguardato le Rp – si trattava soltanto di mantenere le linee di comunicazione aperte e lasciare scorrere il flusso di notizie positive.
Commento di Judy Gombita
Parte del motivo per cui questo dramma lungo 70 giorni è stato un trionfo è perché l’effetto negativo del crollo della miniera ha colpito un gruppo relativamente piccolo di individui: i 33 minatori e il proprietario della miniera (la miniera è stata dichiarata fallita a settembre).
Ovviamente la reputazione del governo e la nazione sono stati colpiti, ma non si è verificato un cerchio sempre più ampio di ripercussioni economiche e sociali come si è visto per esempio con la fuoriuscita di petrolio dalla piattaforma BP, che ha causato pesanti contraccolpi alle industrie della pesca e del turismo (tra gli altri) e che colpisce il sostentamento a breve e possibilmente a lungo termine di migliaia di individui.
Rettifica (18/10/2010): E’ venuto alla mia attenzione nel corso di un telegiornale ieri sera che gli altri dipendenti non hanno ancora ricevuto alcuna indennità, dopo il fallimento della miniera di San Esteban. Questa fonte, Mining News and Journal, indica 1.188 minatori ma non comprende il personale amministrativo, etc. Ergo, è stato colpito un gruppo più ampio di persone ma tutte appartenenti alla stessa azienda e settore.
Anche se, per la maggior parte, sono d’accordo con la valutazione di Heather che “la gestione professionale delle Rp di crisi” non sembra essere stata evidente, penso che sia importante notare che il Ministro dell’Estrazione mineraria, Laurence Golborne, era un ex dirigente di lunga data (tra cui un periodo di lavoro come CEO di una multinazionale mineraria), reclutato al governo dall’allora candidato alla presidenza. Come tale, avrebbe una certa familiarità con metodi di comunicazione efficaci. Infatti, un commentatore cileno (in onda su una stazione televisiva canadese per un’intervista in diretta durante il salvataggio) ha dichiarato che i cileni apprezzato l’apertura del ministro nel condividere tutte le informazioni disponibili e ha persino usato le parole, “Non ha nascosto nulla”.
Allo stesso modo, il presidente disponeva di Reinaldo Sepulveda, il regista ufficiale del governo cileno, coinvolto con la crisi miniera sin dai primi momenti. Come da un articolo del Globe and Mail, "E’ stato con il presidente cileno Sebastian Piñera, quando è arrivata la notizia del disastro. Nelle settimane successive, è andato molte volte alla miniera, e ben presto ha iniziato a progettare il modo per catturare le immagini del salvataggio che aveva attirato così tanta attenzione da ogni angolo del mondo…” Il nostro obiettivo era di fare una trasmissione sobria, calma, non manipolata. Tutto ciò che si è visto è esattamente quello che è successo. Avrei potuto realizzare slow motion o immagini mixate. E’ stata la decisione del Presidente di trasmettere esattamente ciò che veniva visto. "(Da How one man told world story of Chilean rescue).
[…]
Personalmente, sono lieta che il mondo abbia potuto imparare molto sul Cile nel corso degli ultimi mesi, inclusa la forza e la gioia di vivere che sono ancora parte del tessuto cileno. Nel 1989, ho fatto un corso estivo intensivo di spagnolo al George Brown College, con uno degli insegnanti migliori che abbia mai incontrato. Patricio Bascuñán era cileno. Considerato un “intellettuale radicale,” era fuggito nel 1977 durante il regime violento e repressivo di Augusto Pinochet, separato dalla moglie e il figlio per diversi mesi (che non sapevano dove si trovasse). Alla fine si sono felicemente riuniti in Canada. Nonostante questi anni di stenti politici e personali, Patricio aveva conservato inalterato il suo carattere positivo, gli occhi vivi e caldi, l’umorismo coinvolgente (oltre a capacità di insegnamento straordinarie). Nella mia testa, posso ancora sentire il suo motto, “Cile, il migliore!” E sono stati i “fratelli” di Patricio ad emergere, uno alla volta, dalla capsula Phoenix. Nulla da nascondere.
Tratto da PR Conversations

COMMENTI

Eventi