Ferpi > News > Consumi: la multicanalità genera sviluppo

Consumi: la multicanalità genera sviluppo

22/12/2011

I consumatori multicanale in Italia raggiungono quota 47%. Premiate le aziende che stanno adottando un approccio multicanale. La crisi non arresta l’adozione di nuove tecnologie e device digitali. In crescita i silver surfer e l’utenza femminile. Sono alcuni dei dati emersi dall’ _Ossevatorio Multicanalità 2011_ condotto da _Nielsen, Connexia_ e _School of Management del Politecnico di Milano._

Cinque anni di ricerca, tempo di bilanci per l’ Osservatorio Multicanalità, il progetto di ricerca che studia l’evoluzione del consumo multicanale e l’approccio strategico delle aziende alla multicanalità, unico nel suo genere perché combina le expertise di tre importanti partner: Nielsen, Connexia e School of Management del Politecnico di Milano.
Secondo quanto emerso dall’edizione 2011, i cui risultati sono stati presentati oggi nel consueto appuntamento con il convegno al Politecnico di Milano, la multicanalità in Italia porta un contributo alla crescita e allo sviluppo economico, sia per le aziende che per i consumatori.
Si assiste, infatti, a una maturità dei consumatori multicanale, che continuano a crescere, raggiungendo il 47% della popolazione italiana maggiore di 14 anni (+7% rispetto al 2010), ma che si avviano a una stabilizzazione: se da un lato la crisi economica ha dato la spinta ai consumatori ad essere maggiormente coinvolti nel processo di acquisto, incentivando la migrazione dall’area della tradizione a quella dell’innovazione, dall’altro ha contribuito a fissare alcuni comportamenti maggiormente consolidati sui segmenti Reloaded e Open Minded.
Anche per quanto concerne le aziende, l’Osservatorio Multicanalità ha dimostrato come le imprese italiane più virtuose, che in questi anni hanno adottato un approccio multicanale strategico e integrato, abbiano ottenuto ottime performance di business sia in termini di fatturato, profittabilità, quota di mercato, che in termini di customer satisfaction e loyalty.
La crisi non ha, invece, arrestato l’adozione di tecnologie e device digitali, che conferma il trend in crescita: aumenta il numero di potenziali navigatori da PC, ma soprattutto cresce il numero di utenti attivi nel mese ( +12% ) e nel giorno medio ( +7,5% ).
Anche il mobile si conferma sempre più al centro della dieta mediatica del consumatore multicanale, con una previsione di sorpasso degli smartphone sui cellulari tradizionali già entro la fine dell’anno. Il 2011 inoltre è l’anno dei tablet, che raggiugnono una diffusione pari a 1 milione di possessori.
E’ possibile ricevere il report dell’Osservatorio Multicanalità 2011 in formato elettronico compilando il form.

COMMENTI

Eventi