/media/post/r4pfzfp/libro.png
Ferpi > News > Corporate diplomacy

Corporate diplomacy

04/05/2019

Redazione

Aziende che assumono un posizionamento politico, interessi di business che si intrecciano con quelli dei Paesi di origine, fiducia nelle attività aziendali nell’epoca della post-verità: un nuovo fattore competitivo si affaccia nell’arena internazionale. La diplomazia organizzativa. Le organizzazioni sono oggi investite da sfide senza precedenti che sono anche tematiche di comunicazione costante. Un tema in Italia poco trattato, che Vittorio Cino e Andrea Fontana approfondiscono in questo volume. 

Uno spettro si aggira per il mondo: è lo spettro della globalizzazione, coi suoi risvolti economico-finanziari ma anche sociali e culturali.

Nel nuovo scenario, funzioni e ruoli che un tempo erano di esclusiva competenza dei governi entrano nella sfera di responsabilità dell’impresa.

Dal piccolo imprenditore che postando un contenuto online può scatenare una tempesta reputazionale; alle grandi imprese transnazionali che, grazie alla pervasività del digitale, arrivano a mettere in campo un volume di comunicazione senza precedenti.

Tutte le aziende possono assumere oggi uno status di soggetto attivo all’interno del sistema delle relazioni internazionali, distinto da quello dei rispettivi governi.

Il mondo del business del XXI secolo non può dunque più rifuggire dalla politica, né rimanere politicamente neutrale.

L’impresa deve sviluppare la capacità di operare in contesti sempre più ampi attraverso una sorta di politica estera aziendale, basata su due elementi: una lettura dei temi sociali e geopolitici con cui valutare e monitorare rischi e minacce, e una lungimirante attività di corporate diplomacy rispetto ai temi che sono al centro dell’agenda e del dibattito pubblico.




Corporate diplomacy
Perché le imprese non possono più restare politicamente neutrali
Vittorio Cino, Andrea Fontana
Egea, 2019
pp. 120, € 16,00

 

COMMENTI

Eventi