Ferpi > News > CSR: da Venezia indicazioni per il futuro

CSR: da Venezia indicazioni per il futuro

02/11/2011

La credibilità e la continuità della comunicazione nei confronti degli stakeholder va assumendo un’importanza sempre maggiore per le organizzazioni. Oltre 100 professionisti provenienti da tutta Europa ne hanno discusso il 27 e 28 ottobre a Venezia, in occasione del terzo _Lundquist CSR Online Awards Seminar._ Un incontro per parlare del futuro della comunicazione della responsabilità sociale.

Oltre cento rappresentanti da circa 50 aziende italiane ed europee si sono incontrati in occasione del terzo Lundquist CSR Online Awards Seminar che si è tenuto a Venezia il 27 e 28 ottobre per discutere delle nuove sfide della comunicazione della responsabilità sociale. Nell’attuale contesto di incertezza diventa fondamentale creare una comunicazione credibile e continuativa nei confronti degli stakeholder: la comunicazione online e i social media diventano strumenti fondamentali per raggiungere questi obiettivi. Le aziende sembrano aver raccolto queste sfide e sono decise ad affrontarle.
L’evento è stato anche l’occasione per premiare le migliori società all’interno delle classifiche CSR Online Awards di Austria, Europa, Gran Bretagna, Italia, Paesi nordici e Svizzera. La ricerca CSR Online Awards, valuta l’utilizzo del web per comunicare l’impegno e le performance in campo ambientale e sociale, nonché l’etica, la governance d’impresa e il livello dialogo con gli stakeholder.
Il seminario, tenutosi al Telecom Italia Future Centre, ha visto la partecipazione di numerosi speaker internazionali e presentazioni da società riconosciute per il loro impegno nella responsabilità sociale. Dopo il benvenuto di Carlo Fornaro, responsabile relazioni esterne di Telecom Italia, la sessione plenaria è stata aperta da James Osborne, responsabile CSR di Lundquist, che ha affrontato la sfida per le aziende di come costruire credibilità nei confronti degli utenti riguardo alle performance non finanziarie. Lucy Goodchild, di Global Reporting Initiative ha illustrato come il più importante strumento per la reportistica sociale tiene conto della comunicazione online, e Erol Bilecen di Bank Sarasin ha portato il punto di vista degli investitori e degli analisti.
I due workshop hanno affrontato due temi chiave della comunicazione online della responsabilità sociale. Il primo dedicato al reporting ha presentato alcuni esempi di web-based reporting da parte dell’utility inglese Centrica e della finlandese Metso accompagnati da una presentazione di DNV Business Assurance. Il secondo workshop è stato l’occasione per discutere come la comunicazione della CSR può rientrare nella più generale strategia di business e di coinvolgimento degli stakeholder. Telecom Italia, Nestlé e la ong Carbon Disclosure Project hanno condiviso le loro esperienze nel dialogo con diversi portatori di interesse dagli investitori al pubblico più generale.
La sessione pomeridiana, moderata da Greg Schneider, 3BL Media, è stata dedicata completamente al tema“Social media and multimedia content”. Fernando Zarur di WWF International ha analizzato il ruolo dei social media all’interno dell’evoluzione della comunicazione mentre Martin Atkin di Green.tv, ha descritto il potenziale dell’utilizzo dei video per comunicare tematiche di sostenibilità. Case studies da Intel e Enel hanno fornito esempi concreti di come le aziende stanno utilizzando le piattaforme online Nella comunicazione della responsabilità sociale.
Per maggiori informazioni sulla ricerca CSR Online Awards, clicca qui.
Clicca qui per scaricare le presentazioni dell’evento.

COMMENTI

Eventi