Ferpi > News > DAL DIRE AL FARE: Terza edizione del Salone della Responsabilità d'Impresa

DAL DIRE AL FARE: Terza edizione del Salone della Responsabilità d'Impresa

04/04/2007

Il 29 marzo 2007 ha avuto luogo la conferenza stampa di lancio della Terza Edizione del Salone della Responsabilità Sociale d'Impresa (RSI) che si svolgerà i prossimi 27 e 28 settembre a Milano.

Nel corso della conferenza stampa Rossella Sobrero, dell'agenzia Koinètica, ha illustrato i temi della terza edizione del Salone, che saranno la comunicazione, la trasparenza e linterattività. Hanno preso poi la parola i rappresentanti delle istituzioni pubbliche promotrici del progetto.Giuliana Carlino, assessore alla Responsabilità Sociale d'Impresa e Pubblica Amministrazione della Provincia di Milano, ha sottolineato come la Provincia con il progetto Albo fornitori: Vicini alle Imprese sia molto attiva nellaiutare le imprese a recepire la cultura etica e a promuovere comportamenti virtuosi.Massimo Ornaghi, dirigente Struttura Semplificazione e Servizi alle imprese della Direzione Industria, PMI e Cooperazione di Regione Lombardia, ha descritto limpegno che la Regione sta profondendo nello sviluppo di modelli di partnership trilaterali tra ente pubblico, imprese profit e non profit e nel dimostrare come i vantaggi dellimpegno sociale possano diventare opportunità di business e fattori propulsori della competitività.       
Fabio Terragni, AD di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo e presidente di BIC La Fucina, ha precisato che il Salone si propone come una piazza per esporre i progetti realizzati, un mercato in cui dar vita allo scambio tra organizzazioni e costruire nuove partnership, un laboratorio per recepire le novità sul tema e contribuire a forgiare il futuro della RSI.
Pertanto la terza edizione riproporrà le iniziative che hanno contribuito al successo di quella passata. In particolare incontri, convegni, laboratori come la Maratona delle Esperienze, cioè la presentazione di progetti di RSI anche attraverso la proiezione di video. Inoltre larea espositiva è suddivisa in MarketPlace, destinato alle aziende profit, e in SocialPlace, dedicato alle associazioni non profit e alle pubbliche amministrazioni.
Verranno inoltre introdotte alcune novità come:
- il Matching Responsabile che rappresenta unoccasione di incontro tra le aziende che propongono progetti in RSI e possibili partner con cui realizzarli;
- la proiezione di filmati industriali del passato e di documentazioni storiche che mostrano limpegno delle imprese in iniziative etiche;
- lo Spazio Giovani dedicato ai giovani e agli studenti universitari interessati ad avviare contatti con imprese e organizzazioni socialmente responsabili.    
Inoltre sono stati trattati alcuni temi che saranno oggetto del Salone negli interventi di Alessandro Beda, in rappresentanza di Sodalitas, e di Emanuele Invernizzi, in rappresentanza di Università IULM.Alessandro Beda, vicepresidente di Sodalitas, ha precisato che la vita della RSI è relativamente breve poiché nasce nel 2000 con il Congresso di Lisbona e la pubblicazione del Libro Verde dellUnione Europea (2001). Lultima e significativa tappa è stata il 12 marzo 2006 con il lancio a Bruxelles di due importanti iniziative. Lavvio di laboratori delle imprese su temi specifici legati alla RSI, come per esempio lo stakeholder engagement e le pari opportunità, e listituzione di appuntamenti annuali detti market place, che rappresentano loccasione per le imprese di spiegare cosa esse realizzano in concreto per il territorio e per la comunità. Il Salone dal Dire al Fare che verrà proposto come la tappa nazionale italiana del market place, si affiancherà alle altre nazionali che si tengono in diversi paesi europei e anche a quello europeo che si terrà a novembre a Bruxelles.
Emanuele Invernizzi, delegato del Rettore dellUniversità IULM, ha sottolineato che luniversità ha aderito con entusiasmo alla promozione del Salone dal Dire al Fare per linteresse che nutre per largomento e per lo stretto legame che esiste tra la comunicazione e la RSI. A questo proposito è importante che chi si occupa di RSI si guardi bene dal correre due potenziali rischi. Il primo è quello di evitare che la responsabilità sociale dimpresa diventi un mero adempimento burocratico privo di riscontri nei comportamenti delle organizzazioni. Il secondo è quello di ricadere nella comunicazione per la costruzione di unimmagine attraente anziché investire nella comunicazione per lo sviluppo di una buona reputazione basata su comportamenti eticamente responsabili. A questo proposito l'attività di comunicazione assume una particolare rilevanza nella rendicontazione sociale e ambientale che sempre più frequentemente si affianca a quella economica nelle imprese socialmente responsabili.
La conferenza stampa si è conclusa con alcune domande di chiarimento da parte dei giornalisti e con interventi di rappresentanti di imprese che parteciperanno alla Terza edizione. Buona la presenza di giornalisti e dei rappresentanti delle imprese che hanno raggiunto in totale le 60 unità circa. 

COMMENTI

Eventi